La dieta del nuotatore

la dieta del nuotatoreUno dei problemi principali dell'alimentazione del nuotatore riguarda la qualità dei pasti e l’orario in cui alimentarsi; infatti, è opportuno consigliare un regime nutrizionale differente in base al momento della giornata in cui si sostengono allenamenti o gare.

la dieta del nuotatoreUno dei problemi principali dell’alimentazione del nuotatore riguarda la qualità dei pasti e l’orario in cui alimentarsi; infatti, è opportuno consigliare un regime nutrizionale differente in base al momento della giornata in cui si sostengono allenamenti o gare.

Un po’ di storia

Sin dall’antichità l’alimentazione ha svolto un ruolo fondamentale nella ricerca dell’efficienza fisica; basti pensare che già nel IV secolo a. C. il medico greco Ippocrate di Cos, considerato il padre della medicina classica, introdusse la nozione di “varietà” nella selezione degli alimenti: agli atleti del salto in lungo consigliava di nutrirsi di carne di capra e ai corridori di prediligere la carne di toro. 

la dieta del nuotatoreSenofonte invece consigliava di mangiare poco pane e farinacei e suggeriva l’uso dei dolci prima delle gare, mentre Galeno suggeriva di bere poco e mangiare carne durante l’allenamento.

Risulta da testimonianze storiche che, comunque, gli atleti dell’antichità si nutrissero secondo princìpi che a noi oggi suonano un po’ strani: Milo da Crotone mangiava 10 chili di pane e 10 chili di carne ogni giorno, bagnandoli con 10 litri di vino, mentre pare che un certo Carnis si nutrisse solo di fichi secchi.

Fuori dalle leggende, è vero che “diete fai da te” e ricette stravaganti nella nutrizione dello sportivo siano state presenti, talvolta dominanti, fino agli anni ’60 quando la ricerca scientifica iniziò a prestare maggior attenzione al problema di ottenere una prestazione migliore attraverso gli alimenti ingeriti.

Le necessità energetiche e di nutrienti

Oggi si ritiene che l’atleta debba essere considerato un soggetto sano con un aumentato fabbisogno di energia e di alcuni nutrienti.

Le necessità energetiche variano a seconda del tipo di composizione corporea, dell’età (il consumo calorico decresce con gli anni e nella terza età è pari alla metà di quello di un giovane venticinquenne) e del tipo di allenamento che sta effettuando l’atleta, nel nostro caso specifico un nuotatore.

Il fabbisogno in nutrienti deve essere invece così ripartito:

  1. 58-60% di calorie introdotte con i carboidrati, quindi pane, pasta, riso e cereali

  2. 28-30% di calorie derivanti da grassi o lipidi (ad esempio olio extra vergine di oliva, grassi contenuti in latte e derivati)

  3. 10% di calorie derivanti da proteine di origine vegetale (ad esempio i legumi o cereali) e animale (carne, pesce, uova e formaggi) 

Vitamine e sali minerali devono essere introdotti attraverso un’alimentazione varia ed equilibrata, che prevede 3 razioni di frutta o succhi di frutta e 2 razioni di verdura nell’arco della giornata, senza dimenticare la necessità di un supplemento di vitamine C, E e del gruppo B nei periodi in cui ci si sottopone a sforzi intensi.

Tra i sali minerali occorre fare attenzione in particolare a sodio, potassio, ferro, iodio, magnesio e fosforo: infatti, chi pratica uno sport in genere suda molto e con la sudorazione si verificano perdite di sali minerali che vanno reintegrati con l’alimentazione.

Le sostanze maggiormente perse con il sudore sono sodio, cloro e potassio, i quali hanno funzioni fra loro collegate e regolano soprattutto la ritenzione di acqua, la pressione osmotica dei tessuti e l’equilibrio acido-base dei tessuti.

Il sodio è contenuto in tutti gli alimenti e nelle acque minerali (ricordiamo che 1 g di sale da cucina apporta circa 400 mg di sodio). Il cloro si trova in natura associato ad altre molecole (la fonte principale di cloro nella nostra alimentazione è il cloruro di sodio, ovvero il sale da cucina).

Il potassio si trova nella frutta (fresca o secca), nei legumi, nella verdura e nel cacao.

Orari, dieta e allenamento

Per quanto riguarda l’alimentazione, uno dei problemi principali del nuotatore riguarda la qualità dei pasti e l’orario in cui alimentarsi; infatti, è opportuno consigliare un regime nutrizionale differente in base al momento della giornata in cui si sostengono allenamenti o gare.

Vediamo insieme le varie ipotesi:

  1. allenamento o gara dalle ore 15,00 in poi: in questo caso non è possibile pranzare agli orari canonici poiché ci si troverebbe in acqua con la digestione in atto; è invece ragionevole consumare una prima colazione ricca con latte o yogurt, cereali o biscotti e un frutto o un succo; un sostanzioso spuntino di metà mattina comprendente un toast e un succo di frutta al naturale; un pranzo leggero a base di carboidrati come un piatto di riso al burro e parmigiano. Gli eventuali spuntini post allenamento e la cena seguono le normali indicazioni di un’alimentazione ricca e variata;

  2. allenamento o gara dalle ore 18,00 in poi: in questo caso la colazione e il pranzo possono seguire i normali ritmi, mentre va introdotta nella dieta una merenda verso le ore 16,00 composta da frutta disidratata (per esempio albicocche, che sono ricche di potassio) o da uno yogurt ai cereali;

  3. allenamento o gara dopo cena: si tratta di un caso poco auspicabile poiché, per rispettare la digestione e non avere problemi, è necessario spezzare la cena in due momenti: due ore prima dell’entrata in vasca consumare un primo piatto (pasta al pomodoro) e dopo l’allenamento un secondo piatto di carne o pesce con contorno;

  4. allenamento o gara alle ore 9,00: in questo caso è importante, almeno un’ora prima, consumare una prima colazione di facile digestione (tè con biscotti e un frutto). Il resto della giornata non impone regimi particolari

Attenzione: l’alcool è considerato dannoso per il nuotatore e per gli atleti in generale poiché riduce le capacità psicomotorie come tempo di reazione, equilibrio, precisione e coordinazione generale.

ESEMPIO DI GIORNATA ALIMENTARE CON ALLENAMENTO O GARA POMERIDIANI

Colazione
1 tazza di latte + caffè + 1 cucchiaino di fruttosio
fette biscottate oppure biscotti secchi
1 spremuta di agrumi

Ore 10
1 toast con 1 succo di frutta al naturale 

Pranzo
Un piatto di riso al burro con parmigiano
1 frutto

Cena
Pane 
Secondo piatto di carne o pesce o prosciutto cotto o crudo o bresaola o speck o 2 uova 
Verdura di stagione a volontà
1 frutto

Nella giornata
Per condire e cucinare olio di oliva extravergine (da utilizzare a crudo).

ESEMPIO DI GIORNATA ALIMENTARE CON ALLENAMENTO O GARA DOPO CENA

Colazione
1 tazza di latte + caffè + 1 cucchiaino di fruttosio
4 fette biscottate oppure 4/5 biscotti secchi
1 spremuta di agrumi

Pranzo
Pasta o riso con sugo di verdure e olio crudo
Pesce al forno con olive e aromi
Patate lesse
1 frutto

Ore 16
1 yogurt

Ore 18
Pasta al pomodoro con parmigiano
1 frutto

Ore 22
1 panino
Bresaola rucola e grana
Verdura a piacere

Nella giornata
Per condire e cucinare olio di oliva extravergine (da utilizzare a crudo)

 E per tenersi in allenamento fuori dall’acqua vi consigliamo il vogatore.

La redazione di adieta.it

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817