Il kiwi, il frutto della salute che potenzia il sistema immunitario

Il kiwi è il frutto che non deve mai mancare sulle nostre tavole! Contiene una elevata quantità di polifenoli, vitamina C e potassio, che rafforzano il sistema immunitario e combattono i segni dell'età.

Il Kiwi è tra i frutti più apprezzati dagli italiani ed è anche quello che contiene la più elevata quantità di componenti positive per l’organismo.

Grazie al suo colore intenso, alla consistenza vellutata al palato e al sapore dolce con una punta acidula, il kiwi occupa uno dei primi posti nei cestini della spesa degli italiani, specialmente nella stagione invernale. La stagione dei kiwi, infatti, è particolarmente lunga: quelli coltivati in Italia vengono raccolti tra Ottobre e Novembre e sono immessi sul mercato fino a Giugno. 

L’alta qualità nutrizionale del kiwi è dovuta all’elevata presenza di polifenoli, vitamina C, potassio, vitamina E e luteina. I polifenoli in esso contenuti sono molecole anti-ossidanti in grado di proteggere dai danni causati dai radicali liberi, considerati una delle cause principali dell’invecchiamento. Inoltre è perfettamente compatibile con una dieta dimagrante, dato che un kiwi contiene solo 50 calorie.

Kiwi benefici sul sistema immunitario

Una ricerca della Zespri Incorporated ha messo in rilievo l’effetto positivo di questi frutti sul sistema immunitario: mangiare regolarmente un kiwi permette di potenziare la le difese dell’organismo aiutando a contrastare l’insorgenza di numerose malattie, tra cui il diabete, l’artrite, le patologie del sistema cardiocircolatorio e i tumori. In più, essendo un frutto dalla polpa molto fibrosa agevola un’attività regolare dell’intestino e aiuta a migliorare la digestione in modo naturale.

Sui banchi ortofrutticoli sono presenti due qualità di kiwi: quella verde, la più diffusa, dal sapore acidulo, e quella Gold a polpa gialla, più dolce. Quest’ultima ha un contenuto di polifenoli maggiore rispetto alla varietà verde.

Come scegliere il kiwi? Al momento dell’ acquisto il kiwi deve essere sodo e senza ammaccature. Dopo l’acquisto, i frutti possono essere conservati in frigorifero per un paio di settimane, avendo l’accortezza di tenerli separati dall’altra frutta per evitare che diventino molli. Se, al contrario, il kiwi è ancora acerbo può essere tenuto qualche giorno fuori dal frigo e una volta raggiunta la giusta maturazione… via libera ad abbinamenti sia dolci che salati, in insalate miste, macedonie e come snack sano per la merenda dei bambini.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817