Rimedi naturali per l’indigestione alimentare

Pasti esagerati, stile di vita disordinato e l'abitudine di mangiare velocemente sono i principali fattori che causano indigestione. Per fortuna, la natura offre numerosi rimedi.

I problemi digestivi colpiscono molte persone, in tutto il mondo. In Italia si stima che almeno il 30% della popolazione accusi problemi di digestione.

In ambito medico il disturbo digestivo si definisce dispepsia, i cui sintomi tipici sono bruciori di stomaco, rigurgito acido, eruttazioni, flautolenza, alitosi, dolore alla parte alta dell’addome, gonfiore, nausea e vomito.

Se si escludono fattori di natura organica e funzionale, la maggior parte delle indigestioni si manifesta quando esageriamo a tavola. Questo avviene soprattutto in occasione di particolari ricorrenze, in primis le feste natalizie!

Problemi di digestione possono verificarsi anche in seguito al perpetuarsi di uno stile di vita sregolato e poco salutare, caratterizzato dal consumo di pasti veloci o di un unico grande pasto al giorno, nel quale ci si abbuffa pensando così di poter reggere a tutti gli impegni della giornata.

A favorire il manifestarsi dell’indigestione contribuiscono anche altri fattori, come l’eccessivo consumo di sigarette, alcolici, caffè, oltre a sovrappeso, obesità, vita sedentaria e intolleranza verso determinati alimenti.

Cosa fare in caso di indigestione? Per nostra fortuna, ancora una volta la natura ci viene incontro offrendoci molti rimedi a un’indigestione.

Camomilla per la buona digestione

Il rimedio “della nonna” per eccellenza, la camomilla, si rivela un potente alleato grazie alle sue proprietà rilassanti aiuta ad alleviare gli spasmi intestinali e il mal di stomaco.

Per preparare un buon decotto contro l’indigestione si consiglia si fare bollire in un litro di acqua, per un quarto d’ora, insieme a 25 gr di fiori di camomilla essiccati e di 25 gr di foglie di melissa sminuzzate. Dopo aver filtrato la bevanda con una tela leggera o un colino, bere due o tre tazze al giorno dell’infuso.

Validi aiuti per la digestione sono le piante con principi attivi amari (quali genziana, carciofo, achillea e zenzero) e quelle con principi attivi aromatici, come la menta piperita. Lo zenzero (o ginger) è facilmente reperibile nei supermercati sia fresco che in polvere e combatte la dispepsia contrastando il meteorismo ed il gonfiore intestinale. In caso di spasmi intestinali persistenti e nausea si può ricorrere all’olio di menta piperita, da assumere 2-3 volte al giorno sotto forma di capsule , lontano dai pasti.

Molto utili per ristabilire la corretta digestione dopo un’abbuffata risultano anche il decotto di tarassaco, la tisana alla malva e l’infuso al finocchio, che favoriscono la depurazione dell’organismo.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817