Le unghie raccontano il nostro stato di salute

La travolgente moda della nail-art ha reso le unghie protagoniste: osserviamole con attenzione perchè alcune anomalie sono il segnale di malattie.

La travolgente moda della nail-art scoppiata negli ultimi anni ha reso la cura delle unghie protagonista della routine di bellezza di ogni donna. Smalti di ogni colore e finish, applicazioni divertenti o chic e kit per la manicure sono alla portata di tutte. Il primo passo, però, è imparare a osservare l’aspetto naturale delle nostre unghie per conoscere ed interpretare i segnali che ci mandano.

In condizioni di salute ottimali l’unghia è caratterizzata da una lamina bianca-rosata semitrasparente che cresce da 1 a 3 millimetri al mese. L’unghia pertanto si rinnova completamente all’incirca ogni 4 mesi grazie alla presenza di cellule che si trovano alla sua radice e che si riproducono continuamente.

A volte può capitare che le unghie presentino delle anomalie. Può trattarsi effetti dovuti a cause piuttosto semplici, come per esempio la presenza di un fungo facilmente curabile. Se i segnali vengono trascurati, però, si verificano casi in cui l’unghia non riesce a tornare allo stato naturale. Occorre quindi consultare un dermatologo che prescriva gli esami necessari per proporre cure adeguate.

Unghie belle e sane

Ecco un elenco di caratteristiche che possono tradire uno stato di salute non perfetto o manifestare addirittura patologie:

  • Se le unghie presentano piccole macchie bianche significa che ci sono bolle d’aria generate da traumi della matrice. Questa anomalia non indica alcuna patologia dello stato di salute.
  • Si è invece affetti da onicomicosi, cioè dall’infezione di un fungo, quando l’unghia è bianca e bruna
  • In presenza di unghie pallide è possibile che si soffra di anemia.
  • Unghie bianche con una striscia rosa possono segnalare la presenza di cirrosi epatica.
  • Unghie violacee rivelano insufficienza respiratoria o cardiaca.
  • Unghie di colore giallo-bruno indicano la presenza di un fungo che si contrae nelle docce e nelle piscine.
  • Unghie con strisce marroni, invece, possono significare la presenza di un neo, che va controllato per evitare rischi di melanoma.
  • Unghie ingiallite indicano spesso che il soggetto è un fumatore, in quanto è la nicotina a colorare di giallo le lamine. 
  • Esiste anche la cosiddetta “sindrome delle unghie gialle” dovuta a una malattia respiratoria, sebbene molto rara.
  • Unghie bucherellate sono sinonimo di psoriasi.
  • Unghie fragili possono indicare carenza di amminoacidi, minerali e vitamine.
  • Unghie sottili possono dipendere dal lichen planus, una malattia delle pelle tipica dell’epatite C.
  • Se le unghie tendono a distaccarsi, ciò può essere dovuto all’uso di prodotti irritanti, ma se si distaccano più lamine è possibile che vi siano malattie quali polmonite, intossicazione da farmaci o disturbi della tiroide. 
  • Problemi alla tiroide possono comportare anche le cosiddette unghie “a cucchiaio”, eventualmente causate anche una carenza di ferro (anemia).
  • Diabete, problemi circolatori e febbre possono generare unghie con righe trasversali, mentre unghie con righe longitudinali segnalano l’invecchiamento della matrice.
  • Le unghie ad artiglio, invece, indicano deviazioni ossee delle dita dei piedi.
  • Infine, le cosiddette unghie “a vetrino d’orologio”, che tendono a ricoprire la punta dei polpastrelli, segnalano malattie respiratorie, del fegato e dell’intestino e si riscontrano soprattutto nei fumatori e negli alcolisti.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817