Gonfiore addominale: alcuni suggerimenti per evitarlo

Arriva l'estate e avere la pancia gonfia può essere estremamente fastidioso oltre che molto antiestetico. Come comportarsi per evitare il problema?

Arriva l’estate e avere la pancia gonfia può essere estremamente fastidioso oltre che molto antiestetico. Come comportarsi per evitare il problema?

Il grasso addominale è un inestetismo che rovina la linea e caratterizza subito in modo sgradevole il corpo. L’ esercizio regolare riesce ad assicurare una pancia abbastanza piatta, ma anche i più sportivi spesso si ritrovano con un addome gonfio e magari anche un po’ dolorante. In questo il problema non è legato all’accumulo di grassi, ma principalmente ad una scorretta alimentazione.

Per combattere il gonfiore addominale conviene seguire alcune piccole regole. Innanzi tutto bisogna prendersi cura del proprio intestino e mantenere una regolare attività intestinale. Un colon intasato è la prima causa di una pancia gonfia e comporta un senso di pesantezza estremamente fastidioso.

Seconda regola: bere molto. La disidratazione è la prima causa della ritenzione idrica, che produce un aumento del volume addominale. La quantità d’acqua da bere ogni giorno, meglio se lontano dai pasti, è di almeno un litro e mezzo. Meglio preferire acque minerali povere di sodio, che aiutano a ridurre il rischio di disidratazione. Per limitare il gonfiore è necessario non esagerare con le bevande frizzanti, che portano notevoli quantità di gas nell’intestino.

evitare il gonfiore addominale

Molti alimenti producono lo stesso effetto delle bevande gassate, soprattutto quelli ricchi di fibre, che fermentano nel colon con l’effetto di produrre aria. Del resto, non bisogna neanche limitarle: le fibre assicurano la motilità intestinale agevolando la peristalsi e rendendo più soffici le feci, cosa che favorisce l’evacuazione. Il suggerimento è allora di aumentare progressivamente l’apporto di fibre in modo da abituare l’organismo a trattarle senza intasare il colon e produrre un eccessiva quantità di gas.

Infine, abituatevi a mangiare lentamente. Chi divora cento grammi di pasta in un minuto rischia di ingoiare anche grandi quantità d’aria, con l’effetto di gonfiare l’intestino.

Per raggiungere l’obiettivo pancia piatta e mantenerlo nel tempo è fondamentale praticare esercizio fisico costante. Lo sport è un rimedio particolarmente efficace sia per l’umore – che ha ripercussioni sulle funzioni dell’organismo – sia per alleviare il gonfiore alla pancia dovuto ad errori dell’alimentazione. In assenza di patologie come lombalgie, ernie ecc., potrete allenare la pancia mediante esercizi da effettuarsi su una panca per addominali con inclinazione regolabile, che aiuta lo sviluppo degli addominali alti e bassi.

 

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dietaL’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817

'}]}