21 maggio 2011: giornata europea contro l’obesità

giornata contro l'obesità21 maggio 2011: giornata europea contro l'obesità. Per combattere l'obesità è fondamentale cambiare "stile di vita" ossia acquisire abitudini comportamentali più adeguate nei confronti del cibo, senza ricorrere a schemi rigidi.

Obesità: insieme ce la faremo!

ObesitàL’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) riferisce che gli obesi adulti (età superiore a 15 anni) sono circa 400 milioni e che nel 2015 probabilmente arriveranno a più di 700 milioni.

Per combattere l’obesità è fondamentale cambiare stile di vita, ossia acquisire abitudini comportamentali più adeguate nei confronti del cibo, senza ricorrere a schemi rigidi (le classiche diete “ferree” impossibili da seguire tutta la vita) e ponendosi degli obiettivi realistici (no al tutto subito ma… con calma ce la farò!).

Il tuo obiettivo prioritario è perdere peso?

Ricordati che questo deve essere un obiettivo a lungo termine: non devi perdere peso velocemente. Le linee guida raccomandano un calo ponderale di 0.5-1 kg alla settimana.
E’ provato che una riduzione del 10% dal peso iniziale in 6 mesi ha effetti benefici sulla salute. Quindi se pesi 80 g e perdi 8 kg (mantenendo i kg persi per almeno 6 mesi) la tua salute ne guadagnerà!
Prima di pensare all’obiettivo finale (ossia i chili che vuoi perdere) devi porti numerosi obiettivi a breve termine, che possono essere raggiunti velocemente e con facilità modificando alcuni comportamenti che solo tu puoi controllare!

E una volta persi i kg in più, cosa succede?

Modificare le abitudini alimentariPurtroppo evidenze scientifiche indicano che più dell’80% dei soggetti che perdono peso, lo riacquistano gradualmente (“Linee guida Obesità Ligio 99”).
Tipica del soggetto obeso (e frequente nei soggetti che seguono diete fortemente ipocaloriche o fai da te) è la Sindrome dello yo-yo (o Weight Cycling Sindrome, WCS) che consiste nell’alternanza di periodi di calo e recupero di peso (…dimagrisci, poi recuperi i kg persi e spesso superi il peso iniziale!) con conseguente peggioramento delle complicanze cardiovascolari e metaboliche preesistenti (ipertensione, dislipidemia…).

Una volta persi i kg in eccesso, l’obiettivo è quindi mantenere il peso raggiunto.
Il mantenimento del peso si può definire riuscito quando, dopo due anni, la riduzione della circonferenza addominale resta inferiore ai 4 cm.

Come faccio a mantenere il peso perso?

Attraverso il contatto continuo con il dietista (le linee guida per l’obesità dicono: “i soggetti che seguono i programmi di stabilizzazione del peso corporeo hanno maggiori probabilità di successo. La stabilizzazione consiste nel contatto professionale continuo con lo specialista, a tempo indefinito, per un regolare supporto anche educazionale e nel monitoraggio clinico”).
Il controllo ed il sostegno a lungo termine possono essere realizzati in vari modi: con visite cliniche regolari, con incontri di gruppo, per telefono o per E-mail (“Linee guida Obesità Ligio 99”). Più controlli farai, più a lungo manterrai il peso perso!

Come posso iniziare a modificare il mio comportamento alimentare?

Modificare le abitudini alimentariCon l’ Auto-monitoraggio dell’assunzione di cibo (il diario alimentare) ossia registrando su un diario la quantità e la qualità del cibo assunto, l’ora, il luogo e le circostanze (ambientali, interpersonali ed emotive) che hanno influenzato il comportamento alimentare.
La registrazione della assunzione di cibo può aiutarti a renderti conto che l’alimentazione in eccesso non è un comportamento automatico ma è determinato dal fatto che alcune situazioni (sociali, emotive, interpersonali e biologiche) non sono gestite in modo adeguato. Questa auto-consapevolezza è una premessa essenziale per poi apprendere delle abilità specifiche per fronteggiare con successo le varie situazioni problematiche incontrate.
Riuscirai a renderti conto di “come e quanto mangi effettivamente” e a capire come comportarti in alcune situazioni tipiche quali: “ho mangiato 3 merendine dopo cena per noia”…”dopo aver litigato con mio figlio, ho aperto il frigorifero e ho mangiato un pezzo di grana e 2 fette di salame”.

Con l’aiuto del dietista sarà più facile.

Comincia subito: scarica il diario alimentare e compilalo ogni giorno: ti sarà utile per prendere consapevolezza della tua alimentazione.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

cosa bere d'estate

Estate che caldo! Cosa bere?

Cosa bere d'estate Uno degli errori più comuni che commettiamo in estate è quello di non bere a sufficienza. E il prezzo da pagare può essere salato.
Tutte le cellule sono costituite da acqua così come il sangue, la linfa, le secrezioni e le escrezioni.
Le entrate e le uscite di acqua devono andare in pareggio ogni giorno.

frutta e colori

L’estate e i colori della frutta: la tavolozza della salute

Da qualche anno si sta diffondendo una nuova disciplina che tende ad assegnare ai colori dei vegetali proprietà preventive e anche curative particolari. A cavallo fra scienza ufficiale e cromoterapia, in attesa che ulteriori sperimentazioni comprovino con maggior precisione la scientificità della teoria (che comunque è già sfruttata pubblicitariamente da alcuni produttori di succhi di frutta e di minestre pronte), cerchiamo di capire qualcosa di più.

albicocca

Arriva l’estate. Viva l’albicocca

AlbicoccheLatini la chiamavano “Prunus armeniaca“, convinti che la sua origine fosse in Armenia (arriva invece dalla Cina), ma a diffonderla e coltivarla in Europa furono gli Arabi, che la battezzarono Al-barquq, da cui albicocca. Un frutto gustoso e prezioso, non solo per l’alimentazione ma anche per la cosmesi, come vedremo in seguito. Cinque sono i modi in cui si può gustare l’albicocca: fresca, essiccata, candita, sciroppata, in confettura.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817