Budino al cioccolato light

Valori nutrizionali (per una porzione)
Kcal 101
kj 420
Proteine 6 gr
Lipidi 4 gr
Glucidi 10 gr
Colesterolo 8 mg
Valori nutrizionali (per una porzione)
Kcal 101
kj 420
Proteine 6 gr
Lipidi 4 gr
Glucidi 10 gr
Colesterolo 8 mg

 

Ingredienti per 4 budini
Preparazione
Latte magro 500 ml
Farina bianca 2 cucchiai
Cacao amaro 2 cucchiai
Dolcificante 1 o 2 cucchiai (secondo gusto)
Colla di pesce 2 fogli
Buccia di limone
Fate ammorbidire la colla di pesce in acqua fredda.
Fate scaldare il latte, levatelo dal fuoco al primo bollore, profumatelo con la buccia di limone e lasciatelo riposare per un quarto d’ora a recipiente coperto.
Eliminate dal latte il limone e aggiungete quindi la colla di pesce strizzata.
Aggiungete il cacao e la farina. Ponete il casseruolino sul fuoco e, senza mai far prendere l’ebollizione, cuocete la crema continuando a mescolare fino alla consistenza desiderata.
Bagnate di liquore uno stampo da budino e riempitelo.
Mettete il budino in frigorifero per 4 ore circa.
Per sformarlo, immergete brevemente lo stampo in acqua calda prima di capovolgerlo sul piatto da portata.

Commento della dietista

E’ un dolce decisamente ipocalorico adatto a diabetici e persone che stanno seguendo una dieta dimagrante.
Può essere consumato anche come spuntino al posto di un frutto.

 

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817