Obesitá, una nuova scoperta ci fará dimagrire?

Ancora una scoperta targata Italia. Un gruppo di ricercatori del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) ha pubblicato sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, PNAS, un lavoro che tratta di una nuova scoperta nel campo dell’obesitá: una proteina brucia-calorie. Per ora la proteina ha soltanto una sigla TLQP-21, è piccola ed è composta da 21 aminoacidi. La proteina è stata iniettata nei topi in due diversi esperimenti: nel primo esperimento è stata somministrata in tutti gli animali e sono state osservate modifiche che facevano pensare a un effetto della proteina; quindi la proteina è stata somministrata sia a topi sottoposti a una dieta ricca di grassi, e quindi particolarmente calorica, sia a topi che seguivano un’alimentazione normale, utilizzati come controllo. Il gruppo di controllo è ingrassato mentre il gruppo di studio aveva meno massa grassa. Sembra che la proteina agisca favorendo il rilascio di adrenalina e facendo aumentare sia la temperatura corporea che il dispendio energetico. Naturalmente è ancora presto per vedere se è stata scoperta la cura all’epidemia del nostro secolo, le premesse, però, sono confortanti.

Ancora una scoperta targata Italia. Un gruppo di ricercatori del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) ha pubblicato sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, PNAS, un lavoro che tratta di una nuova scoperta nel campo dell’obesitá: una proteina brucia-calorie. Per ora la proteina ha soltanto una sigla TLQP-21, è piccola ed è composta da 21 aminoacidi.

La proteina è stata iniettata nei topi in due diversi esperimenti: nel primo esperimento è stata somministrata in tutti gli animali e sono state osservate modifiche che facevano pensare a un effetto della proteina; quindi la proteina è stata somministrata sia a topi sottoposti a una dieta ricca di grassi, e quindi particolarmente calorica, sia a topi che seguivano un’alimentazione normale, utilizzati come controllo.

Il gruppo di controllo è ingrassato mentre il gruppo di studio aveva meno massa grassa. Sembra che la proteina agisca favorendo il rilascio di adrenalina e facendo aumentare sia la temperatura corporea che il dispendio energetico. Naturalmente è ancora presto per vedere se è stata scoperta la cura all’epidemia del nostro secolo, le premesse, però, sono confortanti.

 

 

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

infuso di betulla

La betulla: un’ arma contro la cellulite

La betulla agevola la diuresi e aiuta a combattere la ritenzione idrica, agisce come disinfettante delle vie urinarie e stimola il metabolismo. Le modalità di assunzione più frequenti sono l’infuso, la spremuta e l’estratto.

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

cosa bere d'estate

Estate che caldo! Cosa bere?

Cosa bere d'estate Uno degli errori più comuni che commettiamo in estate è quello di non bere a sufficienza. E il prezzo da pagare può essere salato.
Tutte le cellule sono costituite da acqua così come il sangue, la linfa, le secrezioni e le escrezioni.
Le entrate e le uscite di acqua devono andare in pareggio ogni giorno.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2021 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817