Nessun pericolo per i biberon in bisfenolo A (BPA)

L’Autoritá europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha oggi reso noto il suo parere sull’esposizione dietetica alla sostanza chimica bisfenolo A (BPA).
L’esposizione al BPA attraverso il cibo è dovuta al suo impiego in talune materie plastiche ed altri materiali usati in prodotti come bottiglie e lattine.

Il BPA viene, infatti, usato nella produzione del policarbonato, una plastica rigida impiegata nella produzione di biberon per neonati, piatti, tazze, brocche, caraffe, stoviglie per forni a microonde e recipienti per la conservazione degli alimenti. Se ne fa uso comune anche nella produzione di resine epossifenoliche, impiegate per il rivestimento protettivo interno di lattine e coperchi metallici e per lo strato interno di serbatoi per l’acqua e tini per il vino.
Il BPA può migrare in piccole quantitá nei cibi e nelle bevande conservati in materiali che lo contengono.
Dopo un approfondito esame di tutti i dati disponibili, il gruppo di esperti scientifici ha concluso che, a questo punto, esistono le condizioni per stabilire pienamente, non più in via provvisoria, l’assunzione giornaliera tollerabile(TDI).
L’esposizione umana al BPA attraverso la dieta, inclusa quella di neonati e bambini, è di gran lunga inferiore al nuovo TDI.
Nella sua valutazione il gruppo di esperti scientifici ha prestato attenzione particolare a neonati e i bambini, poiché essi appartengono ai gruppi con la più alta esposizione potenziale dietetica al BPA in rapporto al peso corporeo.
Un bambino di tre mesi alimentato al biberon, che pesa intorno a 6 kg, dovrebbe consumare più del quadruplo del numero usuale di biberon di alimenti per lattanti al giorno prima di raggiungere la TDI.
Il BPA rientra tra le sostanze chimiche potenzialmente in grado di interagire con i meccanismi ormonali dell’organismo (anche detti “distruttori endocrini”). E’ noto fin dagli anni ‘30 che il BPA è in grado di mimare l’azione dell’ormone sessuale femminile estrogeno. Gli effetti sulla fertilitá e la riproduzione nonchè sul sistema endocrino (ormonale) sono stati oggetto di un grosso dibattito scientifico, connesso a segnalazioni di effetti a basso dosaggio di BPA nei roditori.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

cosa bere d'estate

Estate che caldo! Cosa bere?

Cosa bere d'estate Uno degli errori più comuni che commettiamo in estate è quello di non bere a sufficienza. E il prezzo da pagare può essere salato.
Tutte le cellule sono costituite da acqua così come il sangue, la linfa, le secrezioni e le escrezioni.
Le entrate e le uscite di acqua devono andare in pareggio ogni giorno.

frutta e colori

L’estate e i colori della frutta: la tavolozza della salute

Da qualche anno si sta diffondendo una nuova disciplina che tende ad assegnare ai colori dei vegetali proprietà preventive e anche curative particolari. A cavallo fra scienza ufficiale e cromoterapia, in attesa che ulteriori sperimentazioni comprovino con maggior precisione la scientificità della teoria (che comunque è già sfruttata pubblicitariamente da alcuni produttori di succhi di frutta e di minestre pronte), cerchiamo di capire qualcosa di più.

albicocca

Arriva l’estate. Viva l’albicocca

AlbicoccheLatini la chiamavano “Prunus armeniaca“, convinti che la sua origine fosse in Armenia (arriva invece dalla Cina), ma a diffonderla e coltivarla in Europa furono gli Arabi, che la battezzarono Al-barquq, da cui albicocca. Un frutto gustoso e prezioso, non solo per l’alimentazione ma anche per la cosmesi, come vedremo in seguito. Cinque sono i modi in cui si può gustare l’albicocca: fresca, essiccata, candita, sciroppata, in confettura.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817