Estate: le 10 regole a tavola

L’estate non è solo sinonimo di spiagge, ombrelloni e passeggiate lungomare, ma è anche la stagione del gran caldo, fenomeno dal quale gli individui devono imparare a difendersi. Con l’innalzarsi delle temperature, infatti, i rischi per la salute inevitabilmente aumentano: non basta, però, andare alla ricerca di un po’ di fresco, ma occorre anche fare molta attenzione quando si mangia.

Con il caldo i cibi sono più esposti alla contaminazione di batteri e tossine ed è quindi necessario seguire alcune semplici ma importanti regole di igiene alimentare.

L’attenzione deve essere concentrata sulla scelta, sul trasporto e sulla conservazione degli alimenti. In aiuto dei cittadini italiani che vogliono limitare i rischi legati al caldo, gli esperti del Ministero della Salute hanno esaminato la questione della sicurezza alimentare nel periodo estivo e messo a punto un decalogo delle regole da seguire. Ecco, in sintesi, le linee guida proposte:

1) acquistare i prodotti alimentari presso la distribuzione ufficiale (negozi, supermercati, mercati rionali ecc.);

2) verificare l’integritá delle confezioni, le alterazioni nei colori e negli odori degli alimenti;

3) controllare l’etichetta e la data di scadenza;

4) trasportare gli alimenti refrigerati, congelati o surgelati in maniera idonea, cercando di mantenere la temperatura costante e di ridurre al minimo i tempi in cui essi rimangono fuori dal frigo;

5) evitare all’interno del frigorifero i contatti tra cibi cotti e crudi per prevenire le contaminazioni crociate (vegetali, carni, pesce, uova crudi e prodotti cotti o pronti per il consumo);

6) non ricongelare mai alimenti scongelati;

7) prestare la massima attenzione nella preparazione dei cibi (igiene accurata delle mani, degli utensili, dei piani di lavoro ecc.);

8) cuocere bene gli alimenti, in particolare quelli di origine animale;

9) raffreddare gli alimenti cucinati il più rapidamente possibile;

10) il cibo avanzato non va conservato fuori dal frigo e va consumato il più presto possibile. Naturalmente, oltre alle regole per l’igiene alimentare, va anche ricordata la necessitá di seguire un regime dietetico adatto alle temperature estive. Per combattere gli effetti del caldo, partendo dalla tavola, il Ministero della Salute consiglia di bere molti liquidi, evitare alcol, caffè, bevande gassate o troppo fredde, limitare la quantitá di calorie e di fare un uso abbondante di verdura e frutta fresca.

Per gentile concessione di jugo

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817