Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dietaL’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Estate: Anguria nella dietaL’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Estate: Anguria nella dieta
La pianta, per crescere bene, predilige i terreni sabbiosi ma ricchi d’acqua: per questo motivo la sua coltivazione in Italia è diffusa soprattutto nella pianura padana e nelle pianure costiere soprattutto del centro-sud. La produzione italiana è sufficiente per il consumo nazionale; non particolarmente diffusa l’esportazione, negli ultimi anni si assiste a un progressivo aumento dell’import, soprattutto da Grecia e Israele, in particolare per le primizie (maggio, giugno) e per i prodotti tardivi (Ucraina, Romania). Qualche consiglio per l’acquisto: la scorza dell’anguria matura dev’essere liscia, dura, e di colore verde brillante, senza ammaccature o tagli. Osservate con cura la parte del frutto opposta al picciolo: se vi è una larga chiazza grigiastra, le probabilità che l’anguria sia saporita e di giusta consistenza sono maggiori. Quella chiazza è, infatti, la traccia lasciata dal fiore sul frutto e più il fiore era grande e “potente” più l’anguria sarà gustosa.

Aspetti nutrizionali

Nutrizionalmente parlando, l’anguria è particolarmente ricca di potassio e ha un discreto contenuto di magnesio: questo la rende molto dissetante e in grado di colmare le perdite di elementi minerali causate dalla traspirazione.Estate: Anguria nella dieta
Alcuni anni fa, fonti poco autorevoli avevano tentato di diffondere la “Dieta dell’Anguria”, consistente nel nutrirsi esclusivamente di questo frutto per uno o più giorni la settimana. L’aumento di consapevolezza nutrizionale non ha, fortunatamente, consentito a questo tipo di dieta di avere troppo successo: tutte le diete monoalimento sono infatti dannose, quale più e quale meno. Vero è che, invece, l’anguria può sostituire durante tutta l’estate le dannose bibite gasate, soprattutto se dolcificate con zuccheri complessi e prive di sali minerali. È voce comune, infine, che l’anguria sia difficile da digerire: in realtà, essendo composta –nella sua parte edibile- quasi completamente da acqua, è invece digeribilissima né più né meno dell’acqua stessa.

Un originale antipasto

L’anguria in cucina non è molto utilizzata, soprattutto a causa del suo alto contenuto d’acqua che rende Estate: Anguria nella dietapraticamente difficoltoso farne marmellate o gelatine. In un locale della pianura ferrarese, però, abbiamo gustato degli ottimi tramezzini di anguria, serviti con gli antipasti. Prepararli è semplice:

  • fate dei triangolini di polpa, privata dei semi;
  • metteteli in frigorifero coperti di pellicola in modo che perdano un poco d’acqua;
  • mentre il frutto sgocciola, mescolate in una terrina formaggio caprino leggermente salato e pepato;
  • con questa crema spalmate i tramezzini d’anguria e fate due o tre strati;
  • chiudete con una foglia di basilico e servite ben freddo.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Il fico nella dieta di fine estate

FichiIl fico è una pianta originaria dell’Asia Minore e dell’Egitto, da cui si è rapidamente diffuso in tutto il bacino del Mediterraneo. Una curiosità: quello che mangiamo non è il frutto vero e proprio, bensì un’infiorescenza che contiene i frutti veri e propri.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817

'}]}