Due nuovi prodotti protetti: Zafferano di Sardegna e Radicchio di Verona

Sono saliti a 176  i prodotti protetti italiani (114 Dop e 62 Igp) di cui 30 prodotti a base di carne, 35 formaggi, 38 oli di oliva, 58 ortofrutticoli, 2 aceti, 4 prodotti della panetteria, 2 carni e frattaglie fresche, 4 spezie o essenze, 2 pesci, molluschi, crostacei freschi e prodotti derivati e un miele, dopo la registrazione a livello comunitario dello “Zafferano di Sardegna” Dop e del “Radicchio di Verona” Igp.

Lo “Zafferano di Sardegna” è il terzo zafferano che ottiene la denominazione di origine protetta dopo lo Zafferano dell’Aquila e quello di San Gimignano.

La Dop è riservata al prodotto essiccato in stimmi o fili proveniente dalle coltivazioni di Crocus sativus L. coltivato nel territorio dei Comuni di San Gavino Monreale, Turri e Villanovafranca, situati nella provincia del Medio Campidano.

Lo zafferano sardo ha il contenuto medio di crocina (l’elemento al quale è collegato il potere colorante dello zafferano), picrocrocina (l’elemento al quale sono riconducibili gli effetti euptetici ed il correttivo di sapore) e safranale (l’elemento al quale sono associate le proprietá aromatizzanti) superiori alla norma.

Per quanto riguarda il radicchio dobbiamo ricordare che sono tutti veneti i radicchi protetti dall’Unione europea. Dopo le Igp concesse al Radicchio Rosso di Chioggia, al Radicchio Rosso di Treviso e al Radicchio Variegato di Castelfranco è giunta adesso la Igp del “Radicchio di Verona”.

 

Vsb:t

Please follow and like us:

Lascia un commento