Cinquantenni italiane ‘iperattive’.


Cinquantenni italiane 'iperattive'. Sono attente alla propria salute e alla forma fisica, ma non si curano abbastanza delle ossa.

Il 42% non si sente a rischio osteoporosi, il 53% non ne ha mai parlato con il medico, il 74% non si e' mai sottoposta alla misurazione della densita' ossea (Moc).

Cinquantenni italiane ‘iperattive’. Sono attente alla propria salute e alla forma fisica, ma non si curano abbastanza delle ossa.

Il 42% non si sente a rischio osteoporosi, il 53% non ne ha mai parlato con il medico, il 74% non si e’ mai sottoposta alla misurazione della densita’ ossea (Moc).

E’ la fotografia scattata da una ricerca condotta in Europa dall’International Osteoporosis Foundation e dall’Istituto europeo per la salute femminile. L’indagine ha coinvolto Francia, Finlandia, Germania, olanda, irlanda, Spagna, Svezia, Svizzera e appunto Italia, dove hanno partecipato 197 donne fra i 50 e i 75 anni.

I risultati saranno presentati il 20 ottobre, Giornata mondiale dell’osteoporosi, a Castel Sant’Angelo a Roma, in un convegno aperto al pubblico, promosso dalla Lega italiana osteoporosi e da Federcasalinghe.

L’osteoporosi colpisce una donna ‘over 50’ su tre e un uomo su otto nel nostro Paese. Il 23% delle ‘over 50′ italiane lavora a tempo pieno, il 3% part-time, il 30% e’ casalinga. Senza arrendersi all’eta’, il 70% si considera piu’ dinamica e indipendente di quanto fosse sua madre alla stessa eta’.

Ballare, giocare a tennis, dedicarsi al giardinaggio sono attivita’ svolte dal 19% almeno 2 volte a settimana, dal 15% addirittura quattro volte, anche se quasi la meta’ (46%) delle ultracinquantenni non fa esercizio fisico. Il 34%, comunque, riconosce l’importanza di curare l’aspetto e mantenersi in forma.

Ma solo il 18% ritiene che ossa forti siano essenziali per il benessere del corpo. E meno del 30% riconosce il ruolo fondamentale del calcio. Italiane bocciate in prevenzione, dunque. E spesso ignare del pericolo di fratture.

Il 42% non si ritiene a rischio osteoporosi. La perdita di centimetri e l’incurvamento della schiena sono il cambiamento fisico piu’ temuto dalle donne. Eppure solo il 4% chiede al medico di controllare la propria altezza e l’11% il peso, contro il 56% che misura regolarmente la pressione, il 53% il colesterolo, il 32% la glicemia.

Solo il 28% si rende conto degli effetti debilitanti dell’osteoporosi. Non va meglio nel resto d’Europa. Meno di un’ultracinquantenne su 4 si sottopone ad accertamenti diagnostici.
(Fonte: Adnkronos Salute)

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

risotto al melograno

Risotto alla melagrana

Valori nutrizionali (per una porzione)
Proteine g 7.05
Carboidrati g 85.4
Fibra g 4
Ferro mg 1.12
Calcio mg 32
Sodio mg 16
Vitamina A 0 mcg
Vitamina C 11 mg
Kcal 400
(Kj 1672)
Lipidi totali 5.69 g
Saturi 0.99 g
Monoinsaturi 3.79 g
Polinsaturi 0.79 g
Colesterolo 0 mg

infuso di betulla

La betulla: un’arma contro la cellulite

La betulla agevola la diuresi e aiuta a combattere la ritenzione idrica, agisce come disinfettante delle vie urinarie e stimola il metabolismo. Le modalità di assunzione più frequenti sono l’infuso, la spremuta e l’estratto.

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2021 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817