Avena contro il colesterolo

E’stata presentata in occasione del Congresso Nazionale della Sinu  (Societá Italiana di Nutrizione Umana) una review sugli effetti del beta-glucano contenuto nell’avena.
La ricerca è il risultato di un’approfondita analisi della feconda letteratura scientifica esistente sull’effetto delle fibre d’avena, ed in particolare del beta-glucano, nella riduzione dei livelli di colesterolo.
Il beta-glucano, è un componente della fibra ed è un polisaccaride che ha dimostrato, in numerosi studi scientifici, la propria capacitá, attraverso un particolare meccanismo di azione a livello intestinale, nella riduzione dei livelli di colesterolo.
L’azione principale del betaglucano riguarda la viscositá ovvero la capacitá di intrappolare gli acidi biliari prodotti dal fegato e ricchi in colesterolo.
Ma non finisce, qui l’avena si comporta da prebiotico in quanto favorisce la selezione e la crescita nell’ intestino della flora batterica positiva che, fermentando, determina la produzione di acidi grassi a catena corta che hanno come effetto immediato un abbassamento dell’indice glicemico.
Ma quanto betaglucano dobbiamo assumere? Secondo la Food & Drug Administration bastano tre grammi al giorno.
L’avena può essere consumata sotto forma di fiocchi per la prima colazione oppure sotto forma di morbide creme a base di latte.

Vsb:t

Please follow and like us:

Lascia un commento