Bruciamo calorie con le pulizie di casa

La primavera è arrivata e si avvicina il temuto appuntamento con le grandi pulizie... Ecco come sfruttare il noioso momento delle faccende domestiche per mantenerci in forma.

«Lavori domestici? No, grazie!» Non passa giorno senza che nella nostra mente si affacci questo pensiero. Lavare, spazzare, togliere la polvere, riordinare… Tutte attività noiose e decisamente stancanti. Eppure esiste un modo per trasformare il lavoro di pulizia della casa in un’occasione per praticare esercizi utili al benessere generale, esercizi che si possono fare utilizzando gli “strumenti del mestiere” come spazzolone, scopa e ferro da stiro.

Se siete interessate a perdere qualche chilo, sappiate che facendo di buona lena i lavori in casa è possibile bruciare una non trascurabile quantità di calorie. Inoltre grazie a questi esercizi potremo sciogliere i muscoli e tonificarli, evitando di affaticare quelle fasce muscolari che vengono stimolate in modo più intensivo durante l’esecuzione ripetitiva dei lavori domestici. Addio mal di schiena, benvenuti muscoli tonici!

Pulire casa fa consumare molte calorie. Sì ma quante? E soprattutto come fare? Vediamo insieme alcuni esempi.

Attenzione: come in tutti gli sport è necessario muoversi correttamente perché gli esercizi funzionino e per evitare spiacevoli effetti collaterali. La coordinazione dei movimenti è fondamentale, perciò un buon consiglio generale per tutte è accendere la musica per mantenere il ritmo e rendere l’attività più piacevole.

bruciare calorie lavando i pavimenti

  • PASSARE LA SCOPA E L’ASPIRAPOLVERE

Scopa e aspirapolvere sono gli attrezzi che più vengono usati durante le pulizie e sono anche strumenti perfetti per tonificare e rinforzare i muscoli delle gambe. Mentre puliamo possiamo eseguire affondi laterali (tenendo la scopa) o avanti ed indietro, da ripetere molte volte cercando di non sforzare troppo le ginocchia. Se invece avete poco tempo o se la vostra casa necessita solo di una pulita veloce, ricordate che spazzare il pavimento per almeno 10 minuti fa consumare quasi 50 kcal.

  • LAVARE I PAVIMENTI

Dopo aver spazzato o aspirato, è il momento di lavare i pavimenti. Per questa faccenda abbiamo due alternative. La prima prevede di lavarli stando in piedi, tenendo le gambe leggermente piegate per tonificare cosce e glutei e ricordandoci sempre di alternare le braccia. L’alternativa è optare per il lavaggio carponi a terra (modalità Cenerentola), perfetto per allungare i muscoli dorsali e rinforzare il tessuto muscolare dell’addome: prima di cominciare mettiamoci in ginocchio appoggiando le mani a terra e spingiamo la schiena verso il soffitto come se volessimo formare una curva, per rilassare la testa ed il collo. Manteniamo questa posizione per qualche secondo, poi espiriamo contraendo gli addominali ed inspiriamo tornando alla posizione di partenza. Dopo aver ripetuto l’esercizio più volte possiamo iniziare a lavare il pavimento disegnando con le mani dei cerchi prima in senso orario e poi in senso antiorario.

lavare i vetri per rinforzare i pettorali

  • LAVARE I VETRI

Lavare i vetri fino a renderli splendenti è uno dei lavori “obbligatori” con l’arrivo della primavera. Possiamo approfittarne per allenare i pettorali, con movimenti circolari alternati dal basso verso l’alto (vi ricordate la famosa scena dai-la-cera-togli-la-cera di Karate Kid?). Una sessione di lavaggio dei vetri consente di bruciare circa 197 calorie, l’equivalente di un paio di biscotti al cioccolato.

  • PULIRE IL BAGNO

Lavare bagno e piastrelle è probabilmente uno dei lavori domestici meno amati dalle donne italiane. Facciamoci coraggio e teniamo a mente che una pulizia vigorosa del nostro bagno per eliminare calcare e incrostazioni ci farà bruciare ben 260 calorie all’ora.

  • STIRARE

Stirare per un’ora – magari alla sera davanti ad un bel film in tv – permette di bruciare circa 150 kcal. Importante è la posizione: assicuriamoci di sistemare l’asse da stiro alla giusta altezza ed eseguiamo movimenti fluidi, per non affaticare la schiena e le spalle. Se vogliamo, possiamo seguire il movimento del ferro da stiro con il corpo e ancheggiare leggermente verso destra e sinistra, con questo movimento in più alleneremo anche l’interno coscia.

stirare aiuta a dimagrire

  • RIORDINARE

Mettere in ordine la casa è un’ottima occasione per lavorare su cosce e glutei. Ecco un semplice esercizio per raccogliere da terra oggetti e/o biancheria lasciata in giro da figli, marito, compagni e coinquilini: assumiamo una posizione eretta, divaricando leggermente le gambe e mantenendole in linea con i fianchi e con l’oggetto da raccogliere. Mentre ci abbassiamo pieghiamo le ginocchia, inspiriamo ed espiriamo contraendo gli addominali.
Prendendo l’abitudine di fare un piegamento sulle gambe ogni volta che raccogliamo un oggetto, dopo un paio di settimane noteremo un notevole miglioramento sul nostro fisico… soprattutto se condividiamo la casa con persone molto disordinate!

  • CUCINARE

Con un po’ di impegno cucinare può diventare non solo un’attività gratificante per le nostre papille gustative ma anche un’occasione per smaltire qualche caloria in più. Naturalmente il numero di calorie bruciate varia a seconda di quanto impegno ci mettiamo (e di quanti assaggini ci concediamo!); ad esempio preparare biscotti, pizza o pasta fatta in casa permette di eliminare dalle 170 alle 350 kcal in un’ora.

Anche le faccende quotidiane più semplici – riporre il bucato negli armadi, portare fuori la spazzatura, dare da mangiare agli animali domestici, ecc – permettono di bruciare qualche caloria. Per esempio

teniamoci in forma lavando i piatti

  • Fare il letto: circa 42,75 kcal
  • Lavare i piatti: circa 27,75 kcal.
  • Spolverare per mezz’ora: circa 135 kcal
  • Rastrellare le foglie in giardino: circa 263-283 kcal

Tra una pulizia e l’altra non dimentichiamo di allungare i muscoli con un po’ di stretching, per evitare di sovraccaricarli.
Possiamo fare stretching spolverando, mantenendoci in posizione eretta ed impugnando con la mano destra il panno per togliere la polvere, poi allunghiamoci verso il soffitto tendendo al massimo i muscoli di un lato del corpo, mentre respiriamo contraendo gli addominali. Eseguiamo l’allungamento per 5 volte e poi ripetiamo l’esercizio sull’altro lato.

Seguendo i piccoli accorgimenti che abbiamo elencato vedrete che le faccende domestiche diventeranno una buona occasione per tenerci in forma e magari anche perdere qualche chilo. Non ci credete? Salite sulla bilancia per averne la prova…

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817