Cavitazione: storia e principi scientifici

Trattamento con la cavitazioneLe origini della cavitazione estetica risalgono all'ottobre del 2005 dove al congresso di "Medicina estetica" Agorà di Milano fu presentata per la prima volta al mondo intero.  L'idea della cavitazione nasce dallo studio degli ultrasuoni, già utilizzati in Italia fin dagli anni '60 per il lavaggio industriale degli impianti meccanici.

Trattamento con la cavitazioneLe origini della cavitazione estetica risalgono all’ottobre del 2005 dove al congresso di “Medicina estetica” Agorà di Milano fu presentata per la prima volta al mondo intero.  L’idea della cavitazione nasce dallo studio degli ultrasuoni, già utilizzati in Italia fin dagli anni ’60 per il lavaggio industriale degli impianti meccanici.

La dinamica del processo è molto simile a quella dell’ebollizione.
Nella cavitazione la pressione del liquido scende improvvisamente, mentre la temperatura e la tensione di vapore restano costanti.

Per questo motivo la “bolla” da cavitazione resiste solo finché non esce dalla zona di bassa pressione idrostatica: non appena ritorna in una zona del fluido in quiete, la pressione di vapore non è sufficiente a contrastare la pressione idrostatica e la bolla da cavitazione implode immediatamente.

Nel caso specifico della cavitazione applicata all’estetica avanzata, essa sfrutta da un lato le proprietà fisiche delle onde acustiche, dall’altro le proprietà biofisiche dei tessuti.
Le onde ultrasonore a bassa frequenza, quindi, generano micro-bolle di vuoto (in questo caso
non aria né vapore) all’interno dei fluidi extracellulari. Trattandosi di onde elastiche, il loro
movimento porta al collasso delle micro-bolle con successiva implosione delle stesse e alla
immediata disgregazione delle pareti degli adipociti, con la conseguente liberazione dei
trigliceridi (grassi) in essi contenuti.

Funzionamento cavitazione

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817