Ultrasuoni e bellezza

CelluliteGli ultrasuoni sono delle onde meccaniche sonore, vibrazioni acustiche, con frequenze superiori a quelle udibili da un orecchio umano. Per convenzione la frequenza fissata per distinguere le onde ultrasoniche da quelle soniche è 20 kHz. Gli ultrasuoni vengono realizzati mediante l’effetto piezoelettrico: applicando delle cariche elettriche su quarzo o dischetti in ceramica si ha la compressione del materiale stesso ed invertendone il senso si ottiene l’espansione.

Il risultato di questo processo è un alternarsi di compressioni ed espansioni del cristallo con l’emissione di vibrazioni usate in terapia. Il contatto dell’energia ultrasonica con i tessuti produce effetti termici, meccanici e cavitazionali.

Effetti meccanici: l’onda ultrasonica produce il movimento delle particelle dei tessuti attraversati provocando variazioni di pressione e determinando così una mobilitazione dei liquidi.

ApplicazioneEffetti termici: il calore prodotto dalle vibrazioni causa un riscaldamento che interessa le strutture profonde stabilendo un equilibrio termico per la veloce dispersione del calore dovuta al flusso sanguigno. L’elevazione termica genera un aumento del metabolismo cellulare e vasodilatazione.

ApplicazioneEffetti cavitazionali: l’ultrasuono genera in un fluido piccole bolle di gas disciolto con successivo aumento di dimensione e possibile esplosione delle bolle con molteplici risultati: distruzione delle cellule adipose (azione lipoclastica), progressivo rimodellamento, riduzione dei noduli cellulitici, ossigenazione e vascolarizzazione dei tessuti con conseguente riattivazione della circolazione periferica.

Quando le onde ultrasoniche attraversano i tessuti si attenuano e perdono parte della loro energia a causa di meccanismi di deflazione, del raggio di azione e di assorbimento. Il fenomeno dell’attenuazione è direttamente proporzionale alla frequenza, così un’onda con frequenza di 3MHz penetrerà meno profondamente nei tessuti rispetto ad una con frequenza di 1 MHz.

La cavitazione ultrasonica è particolarmente indicata per i trattamenti contro gli inestetismi della cellulite. In particolare i trattamenti permettono di diminuire le masse adipose, di ridurre la ritenzione idrica, riattivare la micro-circolazione, tonificare e rassodare i tessuti e diminuire le fibre collagene dei tessuti.

Applicazione ultrasuoniL’innovativa tecnologia ad ultrasuoni è in grado di facilitare l’assorbimento attraverso l’epidermide di principi attivi come vitamine liposolubili, oli essenziali, sostanze cosmetiche, agenti idrosolubili.
Grazie agli effetti termico e meccanico vengono stimolati i processi biochimici e metabolici per la distensione delle rughe superficiali, possono essere trattate le contratture muscolari ed è possibile ripristinare il metabolismo tissutale.
Gli ultrasuoni attivano inoltre i processi anti-infiammatori rigenerativi per contrastare acne e foruncoli stimolando i fibroblasti per la rigenerazione tissutale.

ManipoloL’applicazione della terapia ultrasonica a cavitazione è indolore e non invasiva e viene effettuata principalmente a contatto diretto, applicando il manipolo (testina emittente) a contatto con la cute con l’interposizione di sostanze specifiche. Il dispositivo deve essere in continuo movimento: deve scorrere con leggera pressione in senso circolare per brevi tratti (3-4 cm). Se la testina rimane ferma e non viene fatta scorrere, la zona in trattamento potrebbe surriscaldarsi causando fastidio ed il trattamento sarebbe inefficace. L’utilizzo di gel conduttivo favorisce aderenza, scorrevolezza e l’eliminazione di eventuale aria tra cute e testina.

UltrasuoniUn seduta di cavitazione estetica dura mediamente 30-40 minuti e il numero di sedute necessarie (mediamente 10) varia in base al tipo di adiposità e di programma di trattamento.Pedana vibrante
E’ sconsigliato l’uso del dispositivo vicino a zone sensibili (ad esempio il basso ventre). Gli ultrasuoni sono ideali per il trattamento dell’area addominale, dei fasci obliqui e tutte quelle zone soggette all’accumulo di grasso (cosce, fianchi, braccia e polpacci).
Terminato il trattamento è consigliabile effettuare massaggi o sedute di drenaggio mediante l’utilizzo della pedana vibrante.

Risultati apprezzabili possono evidenziarsi già alle prime sedute (cute liscia, morbida e più elastica). ApplicazionePer ottimizzare i trattamenti è necessario associare un regime alimentare sano, svolgere un’equilibrata attività fisica e bere quotidianamente 1/2 litri di acqua al giorno. Idratarsi in modo corretto favorisce la diuresi riducendo la possibilità di tossicosi derivata da un eccesso di lipidi.

Le principali controindicazioni nell’utilizzo dei dispositivi ad ultrasuoni sono: cardiopatia, pacemaker, dislipidemia, epilessia, trombosi, tromboflebite, trapianto, protesi metalliche, lesioni all’apparato uditivo, neoplasia, lesioni superficiali nell’area da trattare, febbre.
I trattamenti ultrasonici devono essere effettuati su soggetti sani. Si consiglia e si raccomanda di consultare il proprio medico in caso di malattie per accertarsi della possibilità di utilizzare questa tecnologia.

adieta.it ha selezionato tra le aziende più affidabili i prodotti migliori per effettuare trattamenti di ultrasuonoterapia efficaci e sicuri in tutta la tranquillità di casa propria.

Vsb:t

Lascia un commento