La vitamina C alleata della bellezza

Vitamina CLa vitamina C è una delle vitamine più efficaci per bruciare i grassi e perdere peso.
La vitamina C, o acido ascorbico, è una vitamina idrosolubile essenziale per gli esseri umani in quanto essi non sono capaci di sintetizzarla autonomamente, a causa della mancanza della L-gulono-gamma-lattone ossidasi. È questo il motivo per cui deve essere assunta attraverso la dieta.

Vitamina CLa vitamina C è una delle vitamine più efficaci per bruciare i grassi e perdere peso.
La vitamina C, o acido ascorbico, è una vitamina idrosolubile essenziale per gli esseri umani in quanto essi non sono capaci di sintetizzarla autonomamente, a causa della mancanza della L-gulono-gamma-lattone ossidasi. È questo il motivo per cui deve essere assunta attraverso la dieta.

Nella figura sottostante è riportata la formula chimica della vitamina C.
Vitamina C
È una vitamina molto sensibile, viene distrutta dai seguenti fattori:

  1. luce
  2. aria
  3. calore
  4. ossigeno
  5. fumo
  6. farmaci

L’acido ascorbico, o vitamina C, è assente in uova, pesci, formaggi, cereali e derivati; mentre si trova in abbondanza in:

  • frutta : a carattere prevalentemente acidula e fresca (arance, mandarini, pompelmi, limoni, fragole, kiwi, lamponi)
  • ortaggi : prevalentemente a gemma e ricchi di clorofilla e carotene (cavoletti di Bruxelles, cavolfiori, cavolo bianco e rosso, broccoli, lattuga a cappuccio, prezzemolo, peperoni, peperoncino piccante, pomodori, finocchi, patate, asparagi, fagiolini, fave, piselli, spinaci,ecc.)
  • carni : fegato di bovino, ovino, equino, milza di bovino, polmone e rene di bovino.

Nello schema sottostante sono elencati gli alimenti freschi ricchi di vitamina C per 100g di parte edibile.

ORTAGGI MG FRUTTA MG
Peperoncino piccante225Arancia50
Peperone151MandarinoPomodorini
Broccoli54Pompelmo40
Cavolfiore59Clementine37
Spinaci54Fragole54
Asparagi24Lamponi25
Lattuga cappuccio27Kiwi140
Lattuga da taglio59Mango43
Prezzemolo162Papaia51
Lattuga da taglio59Mango43
Patata35Guaiava262
Rosa canina1500Banana comune45

Noti questi valori è possibile soddisfare la dose giornaliera raccomandata che varia a seconda del sesso e dell’età:

  • 35-45 mg per i bambini da 1 a 12 anni
  • 45-60 mg per l’uomo e la donna adulti (per la donna è necessario mettere in evidenza che durante la gravidanza il fabbisogno di vitamina C è 65 mg mentre durante l’allattamento è 85 mg)
  • 60-150 mg per i fumatori (nei forti fumatori è presente una carenza di ac. ascorbico, perciò è consigliato un aumento dell’assunzione).

La vitamina C, svolge le seguenti funzioni:

  1. stimola il sistema immunitario e protegge dalle infezioni ;
  2. favorisce la robustezza e la compattezza delle ossa, cartilagini, dentina e parete dei capillari ;
  3. aiuta il fegato a ripulire l’organismo da sostanze tossiche;
  4. attività antiossidante ;
  5. riduce i danni di nitriti e nitrati presenti nei prodotti alimentari;
  6. combatte i danni dei radicali liberi ed è essenziale per la sintesi del collagene, proteina che costituisce la struttura di sostegno dei tessuti connettivi in genere. Il collagene è presente nel derma dove, la sua riduzione, comporta la comparsa di rughe e un visibile rilassamento cutaneo.

Essendo priva di tossicità, può determinare l’insorgenza d’ipereccitabilità, cefalea, diarrea e distruggere la vitamina B12.
Si è visto che una supplementazione del consumo di ac. ascorbico sembra esercitare effetti positivi sui processi fisiologici e situazioni patologiche, quali:

  1. detossificazione dell’istamina
  2. riduzione dell’acido folico
  3. artrite reumatoide
  4. metabolismo dei farmaci
  5. metabolismo dei lipidi
  6. formazione di cataratte
  7. complicazioni del diabete

Vitamina C
Una carenza protratta, invece, provoca lo scorbuto , malattia riconoscibile dalla perdita di peso, dall’inappetenza, dall’irritabilità, dolori muscolari, apatia, debolezza, emorragie multiple e in casi più avanzati si evidenziano casi gravi di emorragie nel midollo osseo e nel cervello.

L’acido ascorbico è anche un additivo alimentare sotto forma di polvere cristallina, raccomandato nelle carni trattate con nitriti e nitrati per bloccare la formazione delle nitrosammine, sostanze altamente cancerogene.

La vitamina C, a causa della sua sensibilità soprattutto alla luce, al calore e all’ossigeno, è uno dei principi nutritivi più delicati e risente notevolmente dei trattamenti tecnologici e della lunghezza dei tempi che intercorrono fra raccolta e consumo. Infatti viene comunemente usata come indicatore degli effetti che i trattamenti tecnologici hanno sulla qualità del prodotto.

Un trattamento che determina la stabilità della vitamina C nell’alimento è la fermentazione , poichè essa resiste all’ambiente acido e in assenza di ossigeno.
Le uniche perdite che si possono verificare durante questa fase dipendono dalla diffusione, nelle verdure ad esempio quando vengono sgocciolate dalla salamoia (o dissalate).

Una giornata a tutta C

Colazione
Succo di lamponi
1 yogurt alle fragole
Cereali con frutti rossi

Spuntino
2 albicocche fresche o secche
Succo di limone e mela

Pranzo
pasta pomodoro e basilico
insalata di radicchio, lattuga e patate
1 banana

Spuntino
succo di pomodoro

Cena
Branzino al sale
1 panino integrale
insalata verde, con erba cipollina
1 kiwi

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817