Depressione da rientro: si combatte anche a tavola

depressione da rientro Ritorno in città dopo le vacanze estive, ritmi frenetici che si contrappongono ai ricordi delle lunghe passeggiate al tramonto sulla spiaggia o nei rifugi alpini: in due parole un trauma.
Tornare alla realtà significa perdere la libertà di orari conquistata in vacanza e il cambiamento può provocare situazioni di stress che l’alimentazione può tamponare.

La frutta e la verdura presenti sulle nostre tavole in questa stagione possono aiutarci ad affrontare la mole di lavoro che ci aspetta.
Ecco i consigli che possono sostenerci nel dopo vacanze :

  • Consumare uva rossa ricca di melatonina che aiuta a regolare i ritmi circadiani. La melatonina è un ormone prodotto naturalmente dalla ghiandola pineale (epifisi) che ha la funzione di regolare i ritmi sonno-veglia e si è dimostrata efficace nell’alleviare i malesseri da jet-lag. L’uva contiene anche la vitamina B6 necessaria per alleviare le condizioni di stress in generale.
  • Consumare mele ricche di una sostanza simile al diazepan che ci rende più tranquilli, quindi via a mele crude, cotte o sotto forma di marmellata o gelatina.
  • Aumentare il consumo di frutta in generale poiché il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce aumenta la produzione da parte dell’organismo di serotonina, il neuromediatore del benessere che stimola il rilassamento.
  • Anche la verdura svolge un’ottima azione anti-stress quindi via libera a zucchine e ai loro fiori che sono ricchi di vitamina A, e a peperoni ricchi di vitamina C, A e fosforo. L’insalata assicura un buon intake di vitamine, calcio, fosforo e potassio. Inoltre è ricca di vitamina E che protegge il sangue e le altre sostanze del corpo dalle intossicazioni da smog . Contiene anche magnesio e manganese che combattono gli sbalzi d’umore e la spossatezza .
  • Se siete particolarmente stanchi preparatevi un frullato di latte di mandorle al quale aggiungerete un pizzico di zenzero, uno di cannella e uno di cardamomo. Il latte di mandorla ha proprietà antisettiche, remineralizzanti, emollienti, energetiche e ricostituenti .
  • Consumare latte e latticini che possiedono un’elevata capacità di favorire la produzione di serotonina, l’ormone del benessere che stimola anche il sonno.
  • Aumentare l’attività fisica possibilmente all’aria aperta: anche camminare velocemente mezz’ora al giorno aiuta il fisico a rilassarsi e allenta lo stress accumulato. Secondo l’Istat nel 2006, sono stati circa 17 milioni 170 mila le persone di tre anni e più (pari al 30,2%) che hanno dichiarato di praticare uno o più sport: il 20,1% lo fa con continuità, il 10,1% saltuariamente. 16 milioni 120 mila persone (il 28,4% della popolazione di tre anni e più), pur non praticando uno sport, svolgono un’attività fisica come fare passeggiate di almeno 2 km, nuotare, andare in bicicletta o altro. I sedentari, ovvero coloro che dichiarano di non praticare sport né attività fisica nel tempo libero, sono oltre 23 milioni e 300 mila, pari al 41% della popolazione. depressione da rientro
  • Consumare ginseg che aumenta la resistenza e la capacità di adattamento dell’organismo agli agenti stressanti .
  • Iniziare il lavoro gradualmente non pensando alla quantità di impegni che ci aspetta, è importante riprendere i ritmi lentamente senza chiedere troppo al nostro organismo.
  • Fatevi coccolare il più possibile, concedetevi un’ora per voi stessi: ad esempio un massaggio o una passeggiata in giro per negozi con un’amica.

Ecco quindi cosa mangiare la prima settimana di rientro al lavoro:

Colazione
– 1 tazza di latte e cacao
– 4 cucchiai di muesli

Lunedì
Pranzo Cena
– Riso alle verdure
– insalata mista con mozzarella, carciofi crudi, rucola, grana e gherigli di noce
– pesche
– Pesce al cartoccio con olive e pomodorini
– Zucchine alla piastra
– Pane integrale
– uva

depressione da rientro

Martedì
Pranzo Cena
-Zuppa di verdura
-insalata di pomodori
-tomini alla piastra
-mela
-pollo allo spiedo
-patate lessate con prezzemolo e aglio
-prugne

Mercoledì
Pranzo Cena
-insalata di patate e polipo
-pane integrale
-1 porzione di macedonia con mele, pesche e uva
-Pasta alle zucchine
-Pesce al forno
-mele

Giovedì
Pranzo Cena
-Riso al vapore con verdure miste e curry
-insalata mista
-ananas
-orata al vapore
-carciofi crudi in insalata con scaglie di grana
-pane integrale
-melone

Venerdì
Pranzo Cena
-Zuppa d’orzo
-peperoni e pomodoro in insalata
-pane integrale
-anguria
-riso, curry, limone e tonno
-insalata di rucola, indivia e radicchio
-uva

Sabato
Pranzo Cena
-insalatona mista con mozzarella, patate, mais, sedano e rucola
-pane integrale
-mele
-roast beef
-zucchine grigliate
-pane integrale
-uva

Domenica
Pranzo Cena
-riso ai frutti di mare
-pinzimonio
-mela
-Carpaccio di salmone
-Lattuga
-pane integrale
-uva

Per condire e cucinare : olio di oliva extravergine.
Nello spuntino pomeridiano : 1 yogurt magro.

Attenzione alle tossinfezioni

depressione da rientro Statisticamente al rientro dalle vacanze aumentano i rischi di intossicazioni alimentari dovute al consumo di cibi avariati dopo la lunga assenza da casa dovuta alle vacanze. Sono poche le regole da seguire per non incorrere in questa spiacevole situazione, vediamole insieme

1 . verificare che frigorifero e freezer abbiano sempre funzionato: lo sviluppo di ghiaccio sulle confezioni esterne di surgelati sta ad indicare che è avvenuta una interruzione del freddo ed è quindi consigliabile eliminare i prodotti coinvolti;
2 . eliminare le confezioni già aperte di passato di pomodoro, latte, yogurt, succhi di frutta, omogeneizzati. Non consumare gli affettati che presentano segni di ossidazione;
3 . attenzione alla muffa presente su formaggi e salumi;
4 . verificate la data di scadenza dei prodotti integri;
5 . eliminate frutta e verdura se sono passati oltre 10 giorni;
6 . nei prodotti da forno e per la prima colazione verificare la presenza di insetti che indicano la contaminazione già avvenuta.

Vsb:t

Please follow and like us:

Lascia un commento