Congelare gli alimenti in modo sicuro

Volete conservare i cibi a lungo lasciando intatte le caratteristiche nutrizionali? Il congelamento – nel freezer di casa è la scelta giusta, ma richiede piccole accortezze.

Il congelamento – o congelazione – è un metodo per conservare che consiste nel portare gli alimenti a una temperatura compresa tra i -18° e i -25° affinché possano mantenere, quasi totalmente, le loro caratteristiche nutrizionali e organolettiche.

Congelare o surgelare?

La differenza tra congelazione e surgelazione sta nel fatto che quest’ultima è un processo industriale che necessita di temperature molto basse, inferiori ai -40°, e che avviene in tempi molto ridotti, così che i cibi possano conservare praticamente inalterate tutte le loro qualità. Nei freezer di casa, quindi, non si surgela ma si congela. Il congelamento casalingo è un processo abbastanza lento: il periodo di tempo necessario al completo congelamento dipende dall’efficienza dell’elettrodomestico e da quanto è pieno.

Non c’è da preoccuparsi se il nostro congelatore è meno potente di quelli dei supermercati: il prodotto surgelato e distribuito su larga scala si mantiene anche a temperatura più alte, come quelle dei comuni freezer casalinghi. L’importante è riporlo prima dello scongelamento, anche parzialmente del prodotto.

Congelare cibi pronti

Cosa congelare?

Buona parte di ciò che mangiamo si presta bene ad essere congelato: verdura, frutta, formaggi, carne, pesce, pane, pietanze già cotte. Ci sono tuttavia delle eccezioni, per esempio gli alimenti che contengono molta acqua, come lattuga, sedano, pomodori, cetrioli, ananas e meloni, che andrebbero incontro a grosse alterazioni se congelati.
Poco adatti alla conservazione in freezer sono poi i cibi affumicati, che perdono la loro fragranza e il loro peculiare gusto, e inoltre pasta e riso cotti, patate lesse, maionese e altre creme a base di uova.

Come congelare?

Prima del congelamento bisogna pulire con attenzione i cibi, in modo da poterli utilizzare immediatamente quando saranno scongelati. È necessario eliminare le parti non commestibili degli alimenti, come ossa, lische, grasso in eccesso, poi lavarli e asciugarli accuratamente.
L’ideale è congelare in piccole porzioni: se i cibi hanno grosse dimensioni, è opportuno tagliarli in pezzi più piccoli e regolari, in maniera tale che abbiano tutti lo stesso tempo di cottura e sia quindi più agevole cucinarli.
La verdura deve essere tagliata, lavata, pulita e asciugata con cura. La frutta deve essere matura, pulita e ben e asciutta.

Altro accorgimento fondamentale consiste nel confezionare adeguatamente i cibi per proteggerli dalla formazione di brina, evitare che possano essiccarsi, irrancidirsi o trasmettere il proprio odore agli altri alimenti. A tal fine, bisogna utilizzare contenitori in plastica dotati di chiusura ermetica, vaschette in alluminio o sacchetti impermeabili all’acqua, al vapore, all’aria e ai grassi. Il pane può essere avvolto nella pellicola trasparente per alimenti. Per quanto riguarda i liquidi (brodo, sughi, etc.) ricordate che congelando aumentano di volume, quindi non riempite troppo i contenitori.

Su ogni alimento confezionato applicate un’etichetta su cui indicare le informazioni basilari come il tipo di contenuto, la data di congelamento e quella entro la quale è preferibile conservare il prodotto. Così facendo limiterete gli sprechi e non rischierete di consumare cibi in via di deterioramento.

Verdura congelata in piccoli pezzi

Scongelare: come e quando?

Una volta congelati, i tempi di conservazione variano a seconda degli alimenti. Burro e formaggio devono essere consumati entro 3 mesi. Cibi già cotti, pane, pizza, focacce e pesce si conservano circa 6 mesi, mentre verdure, frutta e carne non devono restare nel congelatore più di 12 mesi.

L’ideale è scongelare gli alimenti in frigorifero, ponendoli in un contenitore per circa 12 ore. Se il tempo è poco si può accelerare il processo utilizzando l’apposito programma del microonde.

Attenzione: i cibi scongelati non possono essere congelati una seconda volta! Gli alimenti crudi, però, si possono nuovamente congelare dopo averli cucinati.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

risotto al melograno

Risotto alla melagrana

Valori nutrizionali (per una porzione)
Proteine g 7.05
Carboidrati g 85.4
Fibra g 4
Ferro mg 1.12
Calcio mg 32
Sodio mg 16
Vitamina A 0 mcg
Vitamina C 11 mg
Kcal 400
(Kj 1672)
Lipidi totali 5.69 g
Saturi 0.99 g
Monoinsaturi 3.79 g
Polinsaturi 0.79 g
Colesterolo 0 mg

 

infuso di betulla

La betulla: un’ arma contro la cellulite

La betulla agevola la diuresi e aiuta a combattere la ritenzione idrica, agisce come disinfettante delle vie urinarie e stimola il metabolismo. Le modalità di assunzione più frequenti sono l’infuso, la spremuta e l’estratto.

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2021 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817