Angelica – Fitoterapia

L'angelica E' una delle erbe più antiche e oggi viene utilizzata per la decorazione di dolci.
Originaria dell'Europa del Nord, era legata a festività pagane ed era considerata una protezione contro le pratiche di stregoneria.
Il suo nome trae origine dall' avvento cristiano ed è un riferimento al suo periodo di fioritura, verso l'8 maggio.

L'angelica E’ una delle erbe più antiche e oggi viene utilizzata per la decorazione di dolci.
Originaria dell’Europa del Nord, era legata a festività pagane ed era considerata una protezione contro le pratiche di stregoneria.
Il suo nome trae origine dall’ avvento cristiano ed è un riferimento al suo periodo di fioritura, verso l’8 maggio.

In Scandinavia la radice veniva usata come pane mentre i semi, fortemente aromatici, avevano applicazione nella produzione di bevande analcoliche.

In cucina i gambi canditi servono per guarnire torte, i semi per aromatizzare varie bevande come gin e vini bianchi.
Le foglie fresche di angelica possono essere usate per aromatizzare frutta cotta o pesce.

La radici vengono fatte essiccare al sole e conservate in sacchetti di carta, i semi in sacchetti di plastica.

Principi attivi:

  • Acidi fenolici
  • Flavoni
  • Beta-sitostero
  • Ftalidi
  • Bergaptene
  • Fellopterina
  • Angelicina
  • Polisaccaridi
  • Curarine e cromoni.

Proprietà:

L'angelica

  • Ha attività mitogena sui linfociti B, stimola la produzione di interferone, macrofagi, anticorpi.
  • Ha attività tonificanti e rinvigorenti.
  • Ha attività carminative, le foglie sono molto utili per il trattamento di disturbi digestivi e di alcune sintomatologie ad essi associate, come ad esempio il meteorismo.
  • Stimola il sistema immunitario attraverso la formazione di anticorpi.
  • Rivitalizza tutto l’organismo, aumenta la resistenza fisica e psichica, combatte crampi.
  • Blanda azione antidepressiva.
  • Dona elasticità alle arterie, migliorando la circolazione sanguigna.
  • L’ angelicina (furanocumarina) si è dimostrata anticonvulsivante, miorilassante e sedativa, mentre l’ arcangelicina e i suoi derivati posseggono un’ azione coronarodilatatrice.
  • Dona tono ed elasticità alla pelle. L’ angelicina è strutturalmente legata agli psoraleni, una classe chimica di molecole fotosensibili usate per la loro attività antiproliferativa nel trattamento di differenti malattie della pelle (come psoriasi e vitiligine).

L'angelica Controindicazioni :

I succhi di angelica hanno proprietà caustiche, le zone a contatto sono colpite da irritazione, gonfiore e forte prurito, ciò a causa della presenza di furanocumarine presenti nelle cellule adiacenti a quelle epiteliali. Occorre porre attenzione all’azione fotosensibilizzante, per cui durante l’assunzione della pianta è opportuno evitare esposizioni prolungate al sole o ai raggi UV . Forma galenica : sciroppo, estratto secco, radice, semi.

Infuso di angelica (utile per le persone inappetenti)

Ingredienti:

  • 50 gr di semi di angelica
  • 100 cl di acqua
  • miele

Preparazione:

Lasciare i semi nell’acqua bollente per 15 minuti. Filtrare e dolcificare con il miele.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

cosa bere d'estate

Estate che caldo! Cosa bere?

Cosa bere d'estate Uno degli errori più comuni che commettiamo in estate è quello di non bere a sufficienza. E il prezzo da pagare può essere salato.
Tutte le cellule sono costituite da acqua così come il sangue, la linfa, le secrezioni e le escrezioni.
Le entrate e le uscite di acqua devono andare in pareggio ogni giorno.

frutta e colori

L’estate e i colori della frutta: la tavolozza della salute

Da qualche anno si sta diffondendo una nuova disciplina che tende ad assegnare ai colori dei vegetali proprietà preventive e anche curative particolari. A cavallo fra scienza ufficiale e cromoterapia, in attesa che ulteriori sperimentazioni comprovino con maggior precisione la scientificità della teoria (che comunque è già sfruttata pubblicitariamente da alcuni produttori di succhi di frutta e di minestre pronte), cerchiamo di capire qualcosa di più.

albicocca

Arriva l’estate. Viva l’albicocca

AlbicoccheLatini la chiamavano “Prunus armeniaca“, convinti che la sua origine fosse in Armenia (arriva invece dalla Cina), ma a diffonderla e coltivarla in Europa furono gli Arabi, che la battezzarono Al-barquq, da cui albicocca. Un frutto gustoso e prezioso, non solo per l’alimentazione ma anche per la cosmesi, come vedremo in seguito. Cinque sono i modi in cui si può gustare l’albicocca: fresca, essiccata, candita, sciroppata, in confettura.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817