Pedana Vibrante o Pedana Basculante?

pedana vibrante

In commercio si trovano molti prodotti che vengono definiti PEDANA VIBRANTE , ma cosa giustifica una simile definizione? Perché si parla di vibrazione verticale o basculante?
Cercheremo di approfondire le differenze e sciogliere possibili dubbi.

Definizioni

pedana vibrante La pedana sussultoria (a vibrazione verticale) ha un piatto che si muove in su e in giù a determinate frequenze (per esempio se il piatto si alza ed abbassa 20 volte in 1 secondo si parlerà di 10 Hz di frequenza).
La pedana vibrante sussultoria riesce, a differenza del normale esercizio fisico, a far contrarre e decontrarre le fasce muscolari senza sovraccaricare la parte muscolo-tendinea-cartilaginea e incrementa comunque il metabolismo locale e la circolazione sanguigna.

E’ risaputo che le pedane a vibrazione verticale vanno usate con attenzione sotto i 10 Hz perché possono mandare in risonanza le parti molli dell’addome dell’utente. Se si prova la pedana vibrante per la prima volta è meglio farlo con l’aiuto di un amico più esperto e comunque leggendo bene il manuale di istruzioni prima di iniziare.

pedana basculante Le pedane basculanti , invece, riproducono un movimento simile alla camminata . Il piatto si alza sul lato destro mentre si abbassa sul lato sinistro e poi viceversa.
Le basculanti lavorano a frequenze tra 1 e 35 Hz , anche se gli studi di Bosco e altri hanno dimostrato l’assenza di controindicazioni anche fino a 40 Hz e il movimento alternato non manda mai in risonanza il corpo.
Gli stessi studi che si citano del dott. Bosco sono stati effettuati sulle pedane vibranti a movimento “sinusoidale”.

Durante la locomozione, nella fase di contatto con il terreno, si genera un treno di vibrazioni che vengono trasmesse a tutto il corpo, dai piedi (15 Hz) fino alla testa (5 Hz), passando per gli arti inferiori, il rachide e il cranio. Le vibrazioni sono un forte stimolo per l’attività osteoblastica ed hanno effetti rilevanti sul sistema biologico. È stato riferito che la potenza esplosiva del muscolo estensore della gamba durante il salto migliora dopo 10 giorni di vibrazioni applicate a tutto il corpo per 10 minuti su soggetti allenati. (Bosco et.al, Biologia dello Sport)

[…] il livello di concentrazione sierica del testosterone e dell’ormone della crescita ha riportato un significativo miglioramento statistico con un’applicazione di 10 minuti (1 minuto di vibrazione ed 1 minuto di riposo per 5 ripetizioni). (Bosco et al., Eur. J. Appl. Physiol.)

La pedana basculante può essere usata per molteplici scopi: massaggio, riabilitazione, estetica e benessere.
Molto validi i risultati in campo estetico: il massaggio creato dalla vibrazione oscillate aiuta a prevenire gli inestetismi della cellulite, grazie al miglioramento considerevole della circolazione capillare, e all’azione drenante creata dal movimento basculante.

Le pedane basculanti più famose sono la Proellixe e la Galileo. Oggi si sono affermate anche altre marche tra cui citiamo la Globus Physio Wave (prodotto Italiano 100%!).

Come riconoscerle

Le frequenze in genere utilizzate dalle pedane basculanti e vibranti sono le seguenti:

  • 1 – 30 Hz = pedana di tipo basculante
  • 25 – 50 Hz = pedana a vibrazione verticale .

I range di vibrazioni da usarsi sulle pedane basculanti sono i seguenti:

  • 4 – 10 Hz = riabilitazione osteoporosi e rilassamento, bilanciamento e coordinazione
  • 10 – 14 = linfondrenaggio
  • 14 – 25 = training e fitness
  • 20 – 60 Hz = potenziamento muscolare sportivo

Basti pensare che variando angoli di lavoro delle ginocchia, carico esterno (kg) e/o frequenze (da 20 a 60 Hz), intensità, tempi di recupero ecc, avremo infinite soluzioni per il potenziamento muscolare.

Indicazioni

con la pedana vibrante oscillo vibrazionale si possono eseguire vari esercizi Dieci minuti due o tre volte la settimana con la pedana oscillo vibrazionale , permettono di riacquistare il tono muscolare dopo periodi di immobilità dovuti ad interventi chirurgici o traumi.
La riacquistata tonicità muscolare aiuta anche a ridurre la sintomatologia legata all’artrosi , la debolezza generale e i disturbi dell’equilibrio e l’instabilità dell’andatura e della locomozione .
La stimolazione effettuata dalla pedana sulle ossa, aiuta a prevenire l’insorgere dell’osteoporosi e a limitarne l’evoluzione una volta che questa si sia presentata.
Infine, l’azione sul tono muscolare e la possibilità di bruciare rapidamente le calorie , permette di utilizzare la pedana vibrante, in associazione ad una dieta ipocalorica, per perdere l’eccesso di peso corporeo, incrementando il tono muscolare degli arti inferiori e dell’addome.

Controindicazioni

  • gravidanza;
  • epilessia;

CONSULTARE IL PROPRIO MEDICO PRIMA DELL’USO IN QUESTI CASI :

  • trombosi acuta;
  • infiammazione acuta delle parti del corpo da allenare;
  • tumori;
  • fratture recenti nelle parti del corpo da allenare;
  • presenza di calcoli renali e della colecisti;
  • presenza di recenti impianti di chiodi o protesi;
  • presenza di ernie discali cervicali o lombo-sacrali;
  • forte emicrania;
  • ferite e cicatrici recenti nelle zone da allenare;
  • artrite reumatoide;
  • artrosi in fase dolorosa o artropatie.

Le pedane vibranti che abbiamo scelto per la nostra gamma.

Che cos’è la pedana vibrante

A che cosa serve la pedana vibrante ?

Come funziona la pedana vibrante

Pedana vibrante o Pedana basculante?

Funzioni Sport/Fitness

Funzioni Mediche/Fisioterapiche

Funzioni Estetiche/Benessere

Funzioni Geriatria/Osteoporosi

Tabella comparativa delle pedane vibranti

Acquista Pedana Globus Physio Plate

Acquista Pedana Well-Net

Power Plate

Prodotti Dunlop DKN

Vsb:t

Please follow and like us:

Lascia un commento