Quale termine è meglio utilizzare per descrivere il peso corporeo?

High MusterParlare di obesità è difficile per gli operatori sanitari: quale termine è meglio utilizzare per descrivere il peso corporeo?

B.M.I. alto

Parlare di obesità è difficile per gli operatori sanitari: quale termine è meglio utilizzare per descrivere il peso corporeo?
Un gruppo di studiosi ha arruolato (tra gennaio 2008 e febbraio 2009) 390 adulti (80% donne), con una età media di 52.5+ 11.5 anni, un peso corporeo di 107.7+ 18.3 kg e un BMI medio di 38.5+4.7 kg/m2.

I pazienti dovevano completare un questionario “Weight Preferences Questionnaire” introdotto così:

“Immagina di fare un check-up dal dottore. L’infermiera ti pesa e vede che hai 20 kg in più rispetto al tuo peso desiderabile. Il dottore arriverà presto a parlarti. I medici possono utilizzare termini differenti per descrivere il peso corporeo: indica quanto desiderabile o indesiderabile consideri ciascuno dei seguenti termini.”

In una scala da 1 a 5 [molto desiderabile (punteggio +2), desiderabile (punteggio +1), neutro (punteggio 0), indesiderabile (punteggio -1), molto indesiderabile (punteggio -2)] i soggetti dovevano classificare 11 termini introdotti dalla frase: “Buon giorno. Vorrei parlarle del suo/della sua”:

  • 1 Peso, 
  • 2 Pesantezza, 
  • 3 obesità, 
  • 4 BMI, 
  • 5 eccesso di peso, 
  • 6 Grassezza, 
  • 7 eccesso di grasso, 
  • 8 taglia forte, 
  • 9 poco sano peso corporeo, 
  • 10 problema di peso,
  • 11 poco sano BMI.

Ai pazienti veniva inoltre chiesto di scrivere i 2 termini preferiti ed i 2 termini che i medici non avrebbero mai dovuto utilizzare. I pazienti potevano inoltre aggiungere altri termini non indicati.

ObesitàQuali sono stati i termini più indesiderabili?

Il termine “grassezza” è stato quello più indesiderabile (p < 0,001) a cui hanno seguito i termini “eccesso di peso”, “taglia grande”, “obesità”, “pesantezza”.

Quali i termini preferiti?
Il termine “peso” è stato il termine preferito dai pazienti a cui hanno seguito i termini “BMI”, “problema di peso”, “eccesso di peso”, “poco sano peso corporeo”, “poco sano BMI”.
Tali preferenze non sono state influenzate dal sesso, dalla razza o da un BMI 40 kg/m2.

Le conclusioni?
Gli operatori sanitari che si occupano di obesità dovrebbero cercare di evitare l’utilizzo di termini poco graditi per evitare di offendere o angosciare alcuni pazienti.

I nostri suggerimenti?
Utilizzare termini più graditi quali “peso”, “BMI” o “problemi di peso” che sicuramente rassicurano i pazienti e li invogliano a continuare a parlare del loro peso (ossia della loro salute).

Volger S, Vetter ML et. al. Patients’ preferred terms for describing their excess weight: discussing obesity in clinical practice. Obesity (2012) Jan;20(1):147-50

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

infuso di betulla

La betulla: un’ arma contro la cellulite

La betulla agevola la diuresi e aiuta a combattere la ritenzione idrica, agisce come disinfettante delle vie urinarie e stimola il metabolismo. Le modalità di assunzione più frequenti sono l’infuso, la spremuta e l’estratto.

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

cosa bere d'estate

Estate che caldo! Cosa bere?

Cosa bere d'estate Uno degli errori più comuni che commettiamo in estate è quello di non bere a sufficienza. E il prezzo da pagare può essere salato.
Tutte le cellule sono costituite da acqua così come il sangue, la linfa, le secrezioni e le escrezioni.
Le entrate e le uscite di acqua devono andare in pareggio ogni giorno.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2021 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817