Semi di girasole, un aiuto per il cuore e per ridurre il rischio di tumori

I semi di girasole sono alimenti ricchi di nutrienti, veri e propri integratori di acidi grassi essenziali, vitamina E, magnesio e altri sali minerali preziosi per la salute e per ridurre il rischio di tumori.

Semi di girasole: benefici per la salute

I semi di girasole, così come altri semi oleosi ad esempio i semi di lino ed i semi di canapa, sono alimenti ricchi di nutrienti, veri e propri integratori naturali contenenti acidi grassi essenziali e vitamine.

Nonostante le loro piccole dimensioni, i semi di girasole rappresentano una fonte considerevole di vitamina E, che qui si trova in proporzioni più abbondanti che in qualsiasi altro tipo di frutta secca. La vitamina E agisce come potente antiossidante, con l’effetto di mantenere in perfetto stato di salute l’apparato cardiocircolatorio e ridurre il rischio di sviluppare tumori.

I semi di girasole forniscono anche un consistente apporto di acido folico – indispensabile durante la gravidanza – magnesio e altri sali minerali importanti nella dieta quotidiana. Proprio per questo i semi di girasole possono essere estremamente utili in un regime alimentare come integratori alimentari.

Alcuni studi rivelano che un consumo regolare di questo alimento permette di proteggere l’organismo contribuendo a mantenere il cuore e il sistema arterioso sani. Altre ricerche rilevano la cospicua presenza nei semi di girasole di acido clorogenico, che svolge un’azione antibatterica e antinfettiva rilevante, oltre ad avere un effetto antitumorale e antimutageno.

Semi di girasole ricchi di acido folico

Utilizzo dei semi di girasole

I semi di girasole possono avere numerosi usi a tavola. L’uso più noto riguarda l’olio di semi di girasole che si ricava industrialmente e viene usato prevalentemente per le fritture, ma questo non è il solo impiego in cucina.

I semi di girasole tostati e leggermente salati sono uno snack sano e un perfetto spuntino spezzafame, sia per gli adulti che per i bambini. Mordicchiare qualche seme di girasole mentre siete seduti davanti alla televisione, invece di ingozzarvi di patatine fritte, biscotti, pop corn o merendine, può essere un ottimo aiuto alla vostra salute.

Un altro modo per introdurre i semi di girasole nella dieta è di inserirli tra gli ingredienti del muesli, oppure aggiungerli ai pinoli e alle mandorle per la preparazione di condimento per la pasta originale. Da soli, i semi di girasoli sono un ingrediente interessante nelle insalate estive, alle zuppe e alle minestre di verdure ed è diffusa l’abitudine di utilizzarli come aggiunta nella preparazione casalinga del pane o di altri prodotti lievitati. Triturando i semi finemente, infine, si ottiene la farina di semi di girasole, ricca di ferro e utile nella preparazione di barrette energetiche e rimineralizzanti fai-da-te.

Semi di girasole in cucina: pane fatto in casa

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817