Cottura al microonde: sfatiamo i falsi miti

Cucinare con il forno a microonde rende gli alimenti cancerogeni o non commestibili? Le sue radiazioni alterano i cibi? Sfatiamo queste leggende.

Il forno a microonde rappresenta una soluzione rapida e comodissima per la cottura di molte pietanze o il riscaldamento rapido dei cibi. Chi lo utilizza per decongelare i surgelati poi sa bene quanto tempo riesce a risparmiare: in condizioni normali certi alimenti surgelati lasciati a scongelarsi naturalmente richiedono anche parecchie ore.

È sicuro o pone dei rischi alla salute?

C’è chi crede che il suo uso possa contaminare gli alimenti con radiazioni o distruggere la struttura delle sostanze presenti nei cibi rendendoli tossici.

Studi recenti non hanno rilevato contaminazioni negli alimenti dopo che sono stati riscaldati mediante il microonde. Al contrario, il forno a microonde non altera – se non in modo minimo – le vitamine contenute nei cibi a differenza di qualsiasi altro metodo di cottura, mantenendo quasi intatto il loro apporto nutrizionale. Per esempio gli spinaci quando vengono cotti con il microonde mantengono inalterato il contenuto di folati, che invece vengono deteriorati del 77% se cucinati utilizzando un forno tradizionale.

Insomma, le ragioni per cui temere la cottura a microonde sono in larga parte fugate.

Cottura al microonde è sicura

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

cosa bere d'estate

Estate che caldo! Cosa bere?

Cosa bere d'estate Uno degli errori più comuni che commettiamo in estate è quello di non bere a sufficienza. E il prezzo da pagare può essere salato.
Tutte le cellule sono costituite da acqua così come il sangue, la linfa, le secrezioni e le escrezioni.
Le entrate e le uscite di acqua devono andare in pareggio ogni giorno.

frutta e colori

L’estate e i colori della frutta: la tavolozza della salute

Da qualche anno si sta diffondendo una nuova disciplina che tende ad assegnare ai colori dei vegetali proprietà preventive e anche curative particolari. A cavallo fra scienza ufficiale e cromoterapia, in attesa che ulteriori sperimentazioni comprovino con maggior precisione la scientificità della teoria (che comunque è già sfruttata pubblicitariamente da alcuni produttori di succhi di frutta e di minestre pronte), cerchiamo di capire qualcosa di più.

albicocca

Arriva l’estate. Viva l’albicocca

AlbicoccheLatini la chiamavano “Prunus armeniaca“, convinti che la sua origine fosse in Armenia (arriva invece dalla Cina), ma a diffonderla e coltivarla in Europa furono gli Arabi, che la battezzarono Al-barquq, da cui albicocca. Un frutto gustoso e prezioso, non solo per l’alimentazione ma anche per la cosmesi, come vedremo in seguito. Cinque sono i modi in cui si può gustare l’albicocca: fresca, essiccata, candita, sciroppata, in confettura.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817