Colesterolo, Sale e… Cancro

Sale, colesterolo e cancroDue lavori pubblicati a maggio hanno messo in relazione l'aggiunta di sale a tavola ed il colesterolo introdotto con il cibo con il rischio di sviluppare vari tipi di tumore.

Due lavori pubblicati a maggio (Hu J, La Vecchia C. et al. 2011 Annals of Oncology) hanno messo in relazione  l’aggiunta di sale a tavola ed il colesterolo introdotto con il cibo con il rischio di sviluppare vari tipi di tumore.

Tra il 1994 ed il 1997,  in 8 province  del Canada, 19832 persone  con diagnosi di cancro e 5039 persone senza tumore  hanno compilato un questionario relativo ai 2 anni precedenti  il contatto al fine di ottenere informazioni  su: peso, altezza,  abitudine al fumo, attività fisica e abitudini alimentari.

In particolare per le abitudini dietetiche è stato utilizzato un questionario sulle frequenze alimentari  validato (Food Frequency questionnaire) che includeva 69 cibi e bevande: le persone dovevano descrivere quanto spesso (al giorno, alla settimana, al mese) consumavano in media una determinata porzione di cibo. E’ stato quindi possibile calcolare quanto colesterolo introducevano alla settimana, se aggiungevano il sale e quante volte consumavano cibi tipo hot dog, prosciutti, bacon, salsiccia….

Che cosa è emerso? Che un elevato intake di colesterolo è associato ad un aumento del rischio di leucemia, linfoma non-Hodgkin, cancro allo stomaco,  al colon, al retto, al polmone, al pancreas, al seno (soprattutto nel post-menopausa), al rene e alla vescica: non è stata invece trovata nessuna correlazione con il cancro alla prostata.

Sebbene non vi sia una differenza statisticamente significativa, sembra che le donne che introducono molto colesterolo siano più “a rischio” degli uomini relativamente al cancro allo stomaco, colon, pancreas, vescica  e linfoma non–Hodgkin.

E’ stato inoltre osservato che rispetto a chi non aggiunge mai sale a tavola,  chi lo aggiunge “sempre” o “spesso”  ha un rischio maggiore di sviluppare un  cancro allo stomaco, al testicolo, alla vescica e al polmone, mentre il consumo di carne lavorata (quindi ricca di sale) è correlato al rischio di cancro allo stomaco, colon, retto, pancreas, polmone, prostata, rene, vescica e leucemia.

Cosa concludono gli autori? Una dieta ricca di carne rossa, formaggi, uova, condimenti animali, insaccati e l’aggiunta frequente di sale a tavola, rappresentano un fattore di rischio per lo sviluppo di vari tumori nella popolazione canadese.

Il nostro consiglio?  Quanto suggerito dagli autori può essere seguito anche da noi. Una  dieta bilanciata, povera di grassi, colesterolo e sale può sicuramente contribuire alla prevenzione.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

cosa bere d'estate

Estate che caldo! Cosa bere?

Cosa bere d'estate Uno degli errori più comuni che commettiamo in estate è quello di non bere a sufficienza. E il prezzo da pagare può essere salato.
Tutte le cellule sono costituite da acqua così come il sangue, la linfa, le secrezioni e le escrezioni.
Le entrate e le uscite di acqua devono andare in pareggio ogni giorno.

frutta e colori

L’estate e i colori della frutta: la tavolozza della salute

Da qualche anno si sta diffondendo una nuova disciplina che tende ad assegnare ai colori dei vegetali proprietà preventive e anche curative particolari. A cavallo fra scienza ufficiale e cromoterapia, in attesa che ulteriori sperimentazioni comprovino con maggior precisione la scientificità della teoria (che comunque è già sfruttata pubblicitariamente da alcuni produttori di succhi di frutta e di minestre pronte), cerchiamo di capire qualcosa di più.

albicocca

Arriva l’estate. Viva l’albicocca

AlbicoccheLatini la chiamavano “Prunus armeniaca“, convinti che la sua origine fosse in Armenia (arriva invece dalla Cina), ma a diffonderla e coltivarla in Europa furono gli Arabi, che la battezzarono Al-barquq, da cui albicocca. Un frutto gustoso e prezioso, non solo per l’alimentazione ma anche per la cosmesi, come vedremo in seguito. Cinque sono i modi in cui si può gustare l’albicocca: fresca, essiccata, candita, sciroppata, in confettura.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817