Prima colazione: cosa mangiare per affrontare la giornata al meglio senza ingrassare

La colazione è un passo importante per affrontare la giornata con energia e buona salute. I nostri consigli su cosa mangiare nel primo, fondamentale pasto della giornata.

Lo dice la sapienza popolare, la scienza lo conferma: la colazione del mattino è un pasto fondamentale per una corretta alimentazione e per il nostro benessere. E anche per la nostra linea!

Uno studio condotto tempo fa presso l’Institute of Metabolic Science dell’Addenbrooke’s Hospital di Cambridge (Inghilterra) ha dimostrato che i pazienti che mangiavano di più a colazione tendevano a ingrassare di meno.

Concentrare nella colazione una discreta parte delle calorie totali che si assumono nella giornata (circa il 20%) può aiutare a combattere l’aumento di peso. Le giuste calorie apportate dalla colazione, infatti, aiutano ad accelerare il metabolismo corporeo e a sprigionare le energie di cui abbiamo bisogno per affrontare la giornata con grinta.

Saltare la colazione – come molti spesso fanno – è una pessima abitudine che causa una maggiore difficoltà di concentrazione nell’affrontare la mattinata. Recuperare con un pranzo abbondante è altrettanto controproducente, perché provoca un eccessivo sbalzo insulinico e un elevato impegno digestivo, a svantaggio del rendimento pomeridiano.

Cosa mangiare per una colazione sana

Cosa mangiare a colazione?

I nutrizionisti consigliano una porzione di frutta per garantire all’organismo la giusta quantità di vitamine, antiossidanti e fibre. Ottimo anche un bicchiere di succo di frutta senza zucchero aggiunto, ricco di minerali e dissetante.
Sarebbe opportuno anche mangiare una fetta di pane integrale con la marmellata e una manciata di frutta secca, quest’ultima indicata per mantenere stabile il colesterolo.

Latte e yogurt vanno bene perché forniscono calcio, proteine e fermenti lattici, ma devono essere parzialmente scremati. Chi fa sport o ha una vita movimentata può anche concedersi 50 grammi di cioccolato fondente extra per incrementare la quantità di ferro, fosforo e potassio.

Da evitare tutti i cibi grassi e ipercalorici, come le brioche, i cornflakes arricchiti di zuccheri e cacao e i biscotti al burro. Si consiglia di sostituirli con fette biscottate, che possono essere assunte perché apportano ferro e vitamine, meglio ancora se si scelgono quelle integrali.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817