Diete anticancro: tutto da rifare?

Dagli ultimi giorni del mese di maggio è in libreria anche in Italia "La vera dieta anticancro", un libro scritto da David Khayat, direttore del dipartimento di Oncologia dell'ospedale Salpetriere di Parigi e presidente dell'Istituto Nazionale dei tumori francese.

Dagli ultimi giorni del mese di maggio è in libreria anche in Italia “La vera dieta anticancro”, un libro scritto da David Khayat, direttore del dipartimento di Oncologia dell’ospedale Salpetriere di Parigi e presidente dell’Istituto Nazionale dei tumori francese.

Nel volume (312 pagine, € 18.00) sono elencati tutti gli errori alimentari più diffusi le cui conseguenze sono tutte dimostrate scientificamente. Il contenuto del libro è destinato a sovvertire gran parte dei luoghi comuni che negli ultimi anni hanno preso piede grazie agli studi di altri luminari e altri istituti di ricerca. In particolare, il metodo di analisi seguito da Khayat e dalla sua équipe tende a dimostrare non tanto le proprietà cancerogene o anticancro di alcuni cibi, ma le condizioni reali di questi stessi cibi quando vengono assunti dall’organismo. Per esempio, molto del pesce che consumiamo giunge sulle nostre tavole talmente inquinato da mercurio, piombo, arsenico e cadmio che i danni arrecati sono ben superiori ai benefici. E ancora, l’assunzione di vitamina A pare faciliti la formazione di cancro al polmone nei fumatori, mentre la vitamina E incrementa del 40 per cento il cancro alla prostata. Perfino il latte è sotto accusa, ritenuto responsabile dell’insorgenza di questo stesso tumore se la dose giornaliera di calcio di origine casearia risulta superiore a 2 grammi al giorno.

Grandi alleati nella lotta contro il cancro, sostiene Khayat, sono invece prugne secche, uvetta e mirtilli (fra la frutta) e cavolo riccio, spinaci e cavoletti di Bruxelles fra le verdure. A chi credere? Non sappiamo. Certo, il vecchio adagio che ci ricorda di mangiare un po’ di tutto con misura non sbaglia mai. Così come il suggerimento di una vita sana, ricca di movimento fisico da praticare quotidianamente, con costanza e moderazione.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

cosa bere d'estate

Estate che caldo! Cosa bere?

Cosa bere d'estate Uno degli errori più comuni che commettiamo in estate è quello di non bere a sufficienza. E il prezzo da pagare può essere salato.
Tutte le cellule sono costituite da acqua così come il sangue, la linfa, le secrezioni e le escrezioni.
Le entrate e le uscite di acqua devono andare in pareggio ogni giorno.

frutta e colori

L’estate e i colori della frutta: la tavolozza della salute

Da qualche anno si sta diffondendo una nuova disciplina che tende ad assegnare ai colori dei vegetali proprietà preventive e anche curative particolari. A cavallo fra scienza ufficiale e cromoterapia, in attesa che ulteriori sperimentazioni comprovino con maggior precisione la scientificità della teoria (che comunque è già sfruttata pubblicitariamente da alcuni produttori di succhi di frutta e di minestre pronte), cerchiamo di capire qualcosa di più.

albicocca

Arriva l’estate. Viva l’albicocca

AlbicoccheLatini la chiamavano “Prunus armeniaca“, convinti che la sua origine fosse in Armenia (arriva invece dalla Cina), ma a diffonderla e coltivarla in Europa furono gli Arabi, che la battezzarono Al-barquq, da cui albicocca. Un frutto gustoso e prezioso, non solo per l’alimentazione ma anche per la cosmesi, come vedremo in seguito. Cinque sono i modi in cui si può gustare l’albicocca: fresca, essiccata, candita, sciroppata, in confettura.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817