Recensione di Fitness Tracker Jawbone Up e Jawbone Up24

Jawbone Up Recensione dei braccialetti fitness (fitness tracker) Jawbone Up e Jawbone Up24.

Nell’ultimo periodo abbiamo assistito alla moltiplicazione esponenziale dei fitness tracker o activity tracker presenti sul mercato. Nonostante la sovrabbondanza di concorrenti, uno dei più rappresentativi della categoria rimane il braccialetto fitness Jawbone Up (il primo braccialetto fitness ad essere diventato popolare). Jawbone Up è prodotto dall’azienda Jawbone di San Francisco, leader mondiale nel campo della tecnologia e specializzata nella produzione di dispositivi indossabili. Nel 2013 è stato introdotto un secondo modello, il Jawbone Up24, che si differenzia dal precedente per alcune particolarità, come la possibilità di connessione Bluetooth e una app leggermente rinnovata. Vediamo insieme quali sono le principali caratteristiche di questi braccialetti fitness.

Jawbone Up azzurro  Jawbone Up24 rosso

Jawbone Up e Up24 sono due braccialetti tecnologici che rilevano i nostri movimenti e ci accompagnano per tutta la giornata aiutandoci nell’auto-monitoraggio di una serie di parametri relativi al nostro stato fisico, per esempio

  • il numero di passi fatti nel corso della nostra giornata
  • le distanza percorsa camminando o correndo
  • la quantità di calorie bruciate
  • la qualità del nostro sonno

Jawbone monitoraggio sonno

Jawbone Up e Up24 sono disponibili in tre misure (small, medium e large – sul sito è disponibile una tabella per la misurazione del polso) e in vari colori. Dal punto di vista estetico l’unica differenza tra i due modelli è il motivo sta

mpato sul braccialetto: a zig-zag nel caso di Up e a righe per Up24. Il peso è identico per entrambi: 18 grammi (small), 22 grammi (medium) e 23 grammi (large).

Alle estremità del bracciale si trovano due parti metalliche, una delle quali nasconde il plug per la ricarica del dispositivo. La batteria del Jawbone UP ha una durata di circa 10 giorni, mentre quella del Jawbone UP24 ha durata inferiore (di circa 7 giorni) dovuta all’integrazione del Bluetooth.

La principale differenza tra i due

dispositivi consiste nella modalità di sincronizzazione dei dati: con Jawbone UP24 è possibile la sincronizzazione wireless e in tempo reale dei dati rilevati grazie alla tecnologia Bluetooth; con Jawbone UP, invece, i dati devono essere sincronizzati tramite il jack integrato. Una volta sincronizzato il braccialetto fitness con il nostro smartphone, il tracciato delle nostre attività apparirà automaticamente sullo schermo non appena apriamo l’app.

La versione 3.0 della App è strettamente simile alla precedente, ricca di grafici colorati che mostrano i dati raccolti. Ad esempio, possiamo vedere in quali ore durante la giornata siamo più attivi, il totale delle calorie, dei passi e dei km percorsi, così come il tempo del riposo. Oltre a tenere traccia dei movimenti che abbiamo compiuto durante il sonno, possiamo utilizzare Up anche come sveglia “intelligente”, che stabilisce il momento più adatto per svegliarci entro uno scarto orario da noi stabilito.

Jawbone monitoraggio cibo

Novità della app è Jawbone’s Insight Engine, che ci suggerisce gli obiettivi da raggiungere in base alla nostra attività e alla qualità del sonno. Una tabella Trends permette di visualizzare la nostra attività nei giorni, settimane e mesi.

Il monitoraggio del cibo è altrettanto facile. La app ordina i tipi di alimenti per categorie come Bevande, Colazione & Pasticcini, Frutta, Verdura & Piatti vegetariani, Panini & Minestre, Snack. All’interno di ogni categoria l’applicazione rende semplice la visualizzazione al colpo d’occhio attraverso le immagini dei più comuni tipi di pasti; è sufficiente cliccare sulla fotografia corrispondente al cibo consumato per aggiungerlo alla scheda della giornata.

Come in ogni applicazione che si rispetti degli ultimi anni è presente anche una parte social, nella quale è possibile restare in contatto con i propri amici e vederne tutti i progressi.

Tirando le somme, possiamo dire che i due modelli proposti da Jawbone (nonostante qualche piccolo difetto come la mancanza di display) sono fitness tracker , accurati e ben progettati, semplici da utilizzare, forniti di una eccellente app per il monitoraggio del sonno e per la gestione della dieta, soprattutto nella versione Up24 con sincronizzazione Bluetooth. Nel complesso Up e Up24 soddisfano in pieno la missione dell’azienda Jawbone, cioè aiutare le persone a vivere meglio fornendo approfondimenti personalizzati sul modo in cui dormono, si muovono e mangiano.

Jawbone monitoraggio attività

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817