Il malassorbimento dei vegetali

Il malassorbimento dei vegetaliPare impossibile, ma una dieta ricca di vegetali, soprattutto verdure crude, può causare problemi digestivi. Studi piuttosto recenti hanno dimostrato come sostanze di natura zuccherina quali la cellulosa e l'emicellulosa, contenute nelle verdure, possano causare qualche problema di digestione.

VerdurePare impossibile, ma una dieta ricca di vegetali, soprattutto verdure crude, può causare problemi digestivi. Sentiamo già le vostre voci che protestano: “Ma come? Prima ci dite di mangiare più verdura e poi ci mettete in allarme con queste notizie? Non è possibile…”. E invece sì. Studi piuttosto recenti hanno dimostrato come sostanze di natura zuccherina quali la cellulosa e l’emicellulosa, contenute nelle verdure, possano causare qualche problema di digestione che si manifesta attraverso gonfiori addominali, mal di pancia, addirittura meteorismo. La causa di tutto ciò è la nostra incapacità di aggredire chimicamente queste sostanze e digerirle completamente, condizione che invece risulta non essere per gli erbivori, i cui succhi gastrici contengono speciali fermenti digestivi come cellulasi e emicellulasi.

Acido fitico: chi è costui?

C’è poi un altro problema, che riguarda l’acido fitico, anch’esso presente in tutti i semi, nei cereali, nei legumi: anche in questo caso, l’essere umano non è in possesso dell’enzima necessario per digerirlo (fitasi) e quindi la sua assunzione attraverso i vegetali può risultare, oltre che molto faticosa, anche fortemente limitata nell’apporto di minerali essenziali quali calcio, ferro, magnesio e zinco.

E allora che fare?

Una semplice soluzione

FunghiCome in altri casi, alla drastica e dannosa soluzione radicale consistente nell’evitare di mangiare vegetali, si può ovviare facendosi prescrivere dal medico di fiducia un supplemento nutrizionale di sintesi derivato dai funghi che ha la capacità di “digerire” al 100% cellulosa, emicellulosa e acido fitico, creando nel nostro apparato digerente un ambiente simile a quello degli erbivori e rendendoci quindi immediatamente disponibili, senza nessuna controindicazione, le preziose proprietà dei vegetali.

Se poi vorremo integrare la nostra dieta salutare con un po’ di esercizio fisico, questo non farà mai male.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dietaL’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817

'}]}