Una tradizionale alternativa per la dieta: la trippa

Trippa La trippa è un alimento di origine animale che consiste generalmente nelle diverse parti dello stomaco (opportunamente trattato e igienizzato) del bovino, che sono rumine, reticolo, omaso (o foiolo, millefoglie, centopelli) e abomaso (o lampredotto). E’ riconosciuta, in quanto frattaglia, come “prodotto alimentare tradizionale” (ai sensi dell'art. 8 del D. Lgs. 30 aprile 1998, n. 173) .

Trippa La trippa è un alimento di origine animale che consiste generalmente nelle diverse parti dello stomaco (opportunamente trattato e igienizzato) del bovino, che sono rumine, reticolo, omaso (o foiolo, millefoglie, centopelli) e abomaso (o lampredotto). E’ riconosciuta, in quanto frattaglia, come “prodotto alimentare tradizionale” (ai sensi dell’art. 8 del D. Lgs. 30 aprile 1998, n. 173) .

Trippa

Contrariamente a quanto da molti asserito, la trippa non figura nell’elenco stilato dall’Unione Europea riguardante le parti del bovino che secondo alcune norme tecnico-sanitarie sarebbero da scartare (cervello, colonna vertebrale, midollo spinale dei bovini di età superiore ai 12 mesi e gli intestini dei bovini di qualsiasi età).

La sua distribuzione è quindi libera nei Paesi che hanno recepito le norme UE in materia di alimentazione emanate dopo la cosiddetta “epidemia della mucca pazza”.

 

Tradizione e nutrizione

Trippa

Il consumo di trippa è profondamente radicato nella tradizione italiana, in particolare in alcune regioni: Toscana, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Molise, Puglia, Sardegna. Una tradizione che si spiega anche dal punto di vista nutrizionale: la trippa è infatti una vivanda molto sostanziosa ed economica (il suo prezzo all’ingrosso è diminuito dell’11% dallo scorso anno a oggi) dalle proprietà simili a quelle della carne di vitello, con un contenuto in grassi non superiore, di media, al 4% (106 kcal per 100 grammi). Inoltre, la trippa è ricca di sostanze minerali, soprattutto calcio e fosforo.

La trippa in cucina

La trippa che si acquista in macelleria o nei supermercati è già bollita, quindi le varie ricette per cucinarla hanno soprattutto il solo scopo di renderla più gustosa e appetibile

Trippa con le patate (ricetta ligure)

Tagliare a striscioline sottili la trippa e lasciarla in ammollo nell’acqua (senza sale) per una mezz’ora. Tritare e rosolare in poco olio cipolla, aglio, carota e sedano, aggiungete la trippa e lasciare insaporire per dieci minuti; salare, pepare, aggiungere un bicchiere di vino bianco secco, far evaporare, aggiungere le patate sbucciate e tagliate a spicchi, i piselli e la passata di pomodoro; alla ripresa del bollore abbassare il fuoco e lasciar cuocere ancora una mezz’ora; prima di spegnere unire prezzemolo tritato in abbondanza.
N.B.: una variante a questa ricetta prevede l’utilizzo dei fagioli bianchi di Spagna in luogo dei piselli.
Non soltanto in Italia la trippa è un alimento sano e tradizionale. Anche in molti Paesi europei (Bulgaria, Gran Bretagna, Grecia, Croazia, Francia) conosce da sempre una buona fortuna gastronomica.

Ecco una ricetta francese:

Trippa liornese

Trippa alla lionese

Tagliare la trippa lessata a rettangoli di circa dieci centimetri di lunghezza e cinque di larghezza, quindi lasciarla marinare in frigorifero per almeno tre ore in una vinaigrette di senape, vino bianco, sale e pepe. Una volta marinata, passare la trippa nell’uovo, nella farina, ancora una volta nell’uovo e quindi nel pangrattato e friggere. Servire calda con salsa tartara.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817