Indagine Istat: gli Obesi in Italia

ObesitàISTAT: in sovrappeso 3 italiani su 10.
I dolcificanti sono presenti in una vasta gamma di alimenti: dalle conserve di frutta alle zuppe in scatola o disidratate, dai biscotti ai gelati, dalle bevande alcoliche alle gomme da masticare fino ai prodotti vitaminici ed ai farmaci.

ObesitàISTAT: in sovrappeso 3 italiani su 10.
I dolcificanti sono presenti in una vasta gamma di alimenti: dalle conserve di frutta alle zuppe in scatola o disidratate, dai biscotti ai gelati, dalle bevande alcoliche alle gomme da masticare fino ai prodotti vitaminici ed ai farmaci.

 

La scelta della molecola dipende dal tipo di alimento, dalle proprietà fisico-chimiche (solubilità, cristallizzazione,attività antiossidante), dalla resistenza al calore,dalla stabilità nel tempo e dalla eventuale presenza di retrogusto e proprio per evitare quest’ultima ipotesi è frequente la combinazione di più molecole.
I cosiddetti “grandi obesi“, cioè le persone che superano i 130 chili di peso, sono ormai un vero e proprio esercito. Circa un italiano su dieci porta infatti la taglia extra-large e ben 3 su 10 sono sovrappeso.
In totale, in Italia, sono ben 4 milioni gli obesi, con un aumento del 25% rispetto al 1994, i soggetti sovrappeso sono invece 15 milioni (non sono aumentati dal 1994).

Crescendo l’età cresce il rischio obesità: i giovani extra-large sono solo il 2% mentre il valore massimo della grassezza si raggiunge dopo i 55 anni quando gli obesi raggiungono il 15% della popolazione.

La concentrazione maggiore è al Sud dove l’11,4% della popolazione è extra-large contro il Nord-Ovest dove raggiunge solo il 7,5%.
Dallo studio Istat risulta una correlazione tra obesità e condizioni socio-economiche svantaggiate e tra obesità e basso livello di istruzione.
Tra gli adulti con un livello di istruzione medio alto infatti la percentuale degli obesi è del 4,5%, mentre sale al 15% tra gli adulti con scolarizzazione fino alla licenza elementare.

Dall’indagine risulta che il popolo dei grassi, oltre a soffrire di cattiva salute, soffre anche di stress e il 18% cerca di diminuire il peso corporeo con diete ipocaloriche.

Grafico
Persone di 18 anni e più per indice di massa corporea.
Settembre-dicembre 1999, composizioni percentuali

Se volete approfondire l’argomento: Istat .

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

risotto al melograno

Risotto alla melagrana

Valori nutrizionali (per una porzione)
Proteine g 7.05
Carboidrati g 85.4
Fibra g 4
Ferro mg 1.12
Calcio mg 32
Sodio mg 16
Vitamina A 0 mcg
Vitamina C 11 mg
Kcal 400
(Kj 1672)
Lipidi totali 5.69 g
Saturi 0.99 g
Monoinsaturi 3.79 g
Polinsaturi 0.79 g
Colesterolo 0 mg

 

infuso di betulla

La betulla: un’ arma contro la cellulite

La betulla agevola la diuresi e aiuta a combattere la ritenzione idrica, agisce come disinfettante delle vie urinarie e stimola il metabolismo. Le modalità di assunzione più frequenti sono l’infuso, la spremuta e l’estratto.

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2021 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817