Il contenuto del tuo carrello
Prodotto nel Carrello

Totale prodotti: 0 €

Sconti e promozioni potranno essere inseriti quando vai alla cassa

 
 
 
 

La sindrome dell'ovaio policistico: quale dieta?

Che cos’è?

policistosi ovaricaLa policistosi ovarica o sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è una malattia delle ovaie e rappresenta un comune disordine endocrino nelle donne: è presente nel 15-20% delle donne in età fertile.

E’ caratterizzata principalmente da mestruazioni assenti o scarse, segni di iperandrogenismo (acne, incremento della peluria, infertilità), insulino-resistenza (e iperinsulinemia compensatoria) ed obesità: il 35-60% delle donne con PCOS è obbesa e presenta insulino-resistenza e il 40% potrebbe avere problemi di diabete a 50 anni.

La distribuzione del grasso è prevalentemente a livello addominale (grasso viscerale) sia nelle donne obese che in quelle normopeso. E’ frequente inoltre il riscontro di bassi valori di colesterolo HDL (il colesterolo “buono”), di alti valori di colesterolo LDL (il colesterolo “cattivo”) e problemi di ipertensione arteriosa.

La donna che presenta questa sindrome è ad elevato rischio cardiovascolare.

E’ quindi fondamentale oltre alla terapia farmacologica decisa dall’endocrinologo “cambiare lo stile di vita” (corretta alimentazione e attività fisica regolare) al fine di migliorare tutti i fattori di rischio associati a questa patologia.

Gambineri e coll.(2006) hanno studiato l’impatto a 12 mesi di una moderata restrizione calorica (hanno tolto 500 kcal dal fabbisogno totale giornaliero) in 19 pazienti obese (con un BMI>37), senza incremento dell’attività fisica abituale e hanno evidenziato un aumento del 13% del colesterolo HDL (quello “buono”), un miglioramento dell’insulino-resistenza ed una riduzione del 5% del peso corporeo.

La riduzione del peso migliora il profilo endocrino e aumenta la probabilità di ovulazione e quindi di gravidanza. Con una riduzione del 5% del peso rispetto al peso iniziale (solo per le donne che hanno un BMI >25), il ciclo mestruale si normalizza e riappare l’ovulazione. Per migliorare l’iperinsulinemia, alcuni autori consigliano diete “ipoglucidiche” ossia con pochi carboidrati (poca pasta e poco pane), altri diete povere di grassi (Reaven GN 2005), noi suggeriamo una dieta equilibrata, controllata in grassi saturi e zuccheri semplici (e naturalmente lievemente ipocalorica se BMI > 25).

dieta policistosi ovaricaEcco un esempio di dieta ipocalorica bilanciata (può essere una “traccia” per chi ha un lieve sovrappeso ossia con un BMI compreso tra 25 e 27 ed ha un’età superiore a 18 anni):

Kcal 1600
Proteine 18.80% (74 g)
Lipidi 25.89% di cui 7.5% saturi
Glucidi 55.32 % di cui 11.34% solubili

COLAZIONE

   
- Latte vaccino parzialmente scremato 120 ml Oppure: - yogurt magro bianco o alla frutta senza zucchero 125 g
- Fette biscottate 40 g (n. 5)


Oppure:


- biscotti secchi senza zucchero 40 g
- crackers senza grassi 40 g
- pane comune o integrale 50 g

 

PRANZO

   
- Pane comune o integrale 100 g




Oppure:




- pasta o riso al pomodoro o alle verdure 80 g
- gnocchi di patate 200 g
- pasta o riso 60 g + legumi freschi 100 g
- pasta o riso 60 g + legumi secchi 20 g
- pasta o riso in brodo vegetale o tipo minestrone, senza patate, senza legumi 40 g + 50 g di pane
- pasta o riso al pomodoro o alle verdure 60 g + pane 30 g
- Carne magra 120 g
Tipo manzo magro, hamburger, roast-beef, carpaccio, vitello, petto di pollo o di tacchino, cavallo, coniglio magro, maiale magro (lonza o filetto).
Metodi di cottura: alla griglia, al vapore, in umido, arrosto, al forno senza condimento
Oppure: - pesce magro fresco o surgelato tipo sogliola, merluzzo, nasello, dentice, orata, trota, pesce spada, palombo, 150 g
- prosciutto cotto o crudo magro sgrassato o bresaola 70 g
- salmone fresco o surgelato 80 g
- Verdure cotte o crude a piacere 200 g o più.
NO PATATE, NO LEGUMI
   

 

Merenda

   
- Frutta tipo mele, pere, arance, ananas, kiwi 250 g Oppure: - banane, uva, fichi o caki 150 g
- pesche, albicocche, susine, fragole, melone, nespole 300 g

 

CENA

   
- Pasta o riso 80 g
Conditi con sugo di pomodoro fresco o con sughi di verdure.





Oppure:





- pane comune o integrale 100 g
- gnocchi di patate 200 g
- pasta o riso 60 g + legumi freschi 100 g
- pasta o riso 60 g + legumi secchi 20 g
- pasta o riso in brodo vegetale o tipo minestrone, senza patate, senza legumi 40 g + 50 g di pane
- pasta o riso al pomodoro o alle verdure 60 g + pane 30 g
- Pane comune o integrale 30 g Oppure: - pasta o riso 20 g
- Mozzarella o certosino o scamorza fresca 80 g







Oppure:







- ricotta vaccina o fiocchi di latte 130 g
- goviera o fontina o emmenthal o caciotta o grana o pecorino 50 g
- tonno sott’olio sgocciolato 56 g (n.1 scatoletta)
- prosciutto cotto o crudo magri, sgrassati 60 g
- bresaola 60 g
- uova sode o alla coque o in frittata cotta al forno o in padelle anti- aderenti n. 2
- carne magra 120 g
- pesce magro 150 g
- Verdure cotte o crude a piacere 200 g o più
NO PATATE, NO LEGUMI
   

 

Condimento totale: olio extravergine d'oliva 20 g (4 cucchiaini da caffè), formaggio grana g (2 cucchiaini di caffè);

La cena può essere sostituita n.1 volta alla settimana con n.1 pizza pomodoro e mozzarella (300 g circa): in questo giorno eliminare la frutta!

Le grammature indicate si riferiscono all'alimento crudo e al netto degli scarti.

 

dieta policistosi ovarica

Variare il più possibile la scelta degli alimenti;
limitare il consumo di sale da cucina;
evitare il consumo di bevande alcoliche (vino, birra, amari...) e zuccherate (succhi di frutta, aranciata, coca-cola);
evitare il consumo di zucchero, miele, marmellata e dolci in genere.
Per dolcificare utilizzare aspartame.
Cucinare senza condimento e aggiungere l'olio a crudo.
Consumare formaggi e salumi non più di 2 volta alla settimana.
Consumare  non più di 2 uova alla settimana.

Tags: Ovaio , Dieta 
Condividi:

Iscriviti alla mailing list

* dato obbligatorio