Il contenuto del tuo carrello
Prodotto nel Carrello

Totale prodotti: 0 €

Sconti e promozioni potranno essere inseriti quando vai alla cassa

 
 
 
 

Problema diossina rientrato


Dopo tanto scrivere e parlare siamo arrivati alla svolta ufficiale, si è infatti conclusa la seconda fase del Piano di controllo ufficiale predisposto dal Ministero della salute, in collaborazione con la Regione Campania, per la determinazione dell’ampiezza del fenomeno di contaminazione da diossina della mozzarella di bufala prodotta in detta regione.
Il Programma di campionamento, approvato dalla Commissione Europea, prevedeva:

  • una prima fase il controllo degli allevamenti conferenti il latte bufalino nei caseifici ubicati nelle province di Caserta, Napoli ed Avellino,
  • una seconda fase: il controllo del latte bufalino nelle province di Salerno e Benevento
  • una terza fase, sulla base dei riscontri analitici, il controllo di altre filiere produttive quali la bovina ed ovicaprina.
A conclusione di questo percorso, effettuato in tempi molto brevi, i risultati hanno evidenziato che il "problema diossina" esiste in modo circoscritto e comunque in misura ridotta rispetto a qualche anno fa, quando i riflettori dei mass-media, della comunitá nazionale e internazionale, non erano puntati sulla Regione Campania, attirati dall’"emergenza rifiuti urbani".
Condividi:

Iscriviti alla mailing list

* dato obbligatorio