Il contenuto del tuo carrello
Prodotto nel Carrello

Totale prodotti: 0 €

Sconti e promozioni potranno essere inseriti quando vai alla cassa

 
 
 
 

Pressione arteriosa e prodotti lattiero-caseari


La pressione arteriosa è la pressione del sangue esercitata dal cuore sulla parete delle arterie durante le fasi di attivitá cardiaca, rappresentate dalla contrazione del ventricolo sinistro (sistole) e dal suo rilassamento (diastole). In fase sistolica si rileva il valore massimo di pressione (pressione sistolica o massima), mentre in diastole il valore minimo (pressione diastolica o minima). Si parla di ipertensione arteriosa o "pressione alta" quando la pressione sanguigna ha valori elevati rispetto al normale; il cuore deve faticare di più per spingere il sangue in circolo e, a lungo andare, questo stato porta al danneggiamento dei vasi arteriosi, a cominciare dalle arteriole più piccole, soprattutto dei reni e degli occhi.
Partendo dal presupposto che la pressione aumenta con l’etá, subisce variazioni durante la giornata, durante uno sforzo o un’emozione, è importante comunque definire un limite tra "normale" e "patologico".
Si parla di ipertensione secondaria quando la causa è conosciuta, e cioè solo nel 5% dei casi e è provocata da insufficienza renale cronica, feocromocitoma, stenosi dell’arteria renale, farmaci, etc.
In circa il 95%, invece, non è attribuibile ad alcuna causa identificabile e pertanto viene detta primitiva, idiopatica o essenziale.
Conosciamo, però, alcuni fattori predisponenti, in grado di modificare la pressione arteriosa: fattori di tipo genetico, ambientale, legati all’esercizio fisico, alla dieta e allo stress.
Sono attualmente allo studio alcune componenti dei prodotti lattiero caseari, come i peptidi che possono ridurre anche di 21 mm Hg la pressione arteriosa negli individui trattati. I peptidi agiscono come ACE inibitori naturali.
Le sostanze "ACE inibitorie" inibiscono la formazione di angiotensina II, una sostanza vasocostrittrice che può portare all’aumento della pressione arteriosa. Tali molecole non possono sicuramente competere come potenza con i farmaci attualmente in commercio per il trattamento dell’ipertensione, ma possono essere di grande aiuto.
E’stato infatti presentato qualche mese fa un latte addizionato con lactobacillus helveticus, che contribuisce a regolare in modo naturale la pressione arteriosa, questo prodotto si colloca nell’ottica degli alimenti funzionali come i drink con steroli vegetali contro il colesterolo.


Condividi:

Iscriviti alla mailing list

* dato obbligatorio