Il contenuto del tuo carrello
Prodotto nel Carrello

Totale prodotti: 0 €

Sconti e promozioni potranno essere inseriti quando vai alla cassa

 
 
 
 

Gennaio 2016 senza alcol: in Gran Bretagna è il Dry January

Un mese intero senza alcolici, per sensibilizzare sul problema dell'alcolismo in Inghilterra e nel Galles. E' questa la sfida del Dry January (letteramente "Gennaio a secco") lanciata da un'associazione di beneficienza di Londra, Alcohol Concern, per promuovere la sobrietà e mettere in guardia dall'abuso di alcol. Chi si iscrive - qui il sito ufficiale - si impegna a non toccare una goccia di alcol per tutti i 31 giorni del mese di gennaio.

L'inziativa era già stata proposta all'inizio dello scorso anno, con risultati soddisfacenti: ben 2 milioni di partecipanti. Per questo motivo, gli organizzatori hanno alzato la posta in palio per il 2016, ponendosi un obiettivo ancora più ambizioso. Durante il Dry January, infatti, i partecipanti non solo sono invitati ad astenersi dal consumo di alcol, ma sono anche coinvolti in campagne di raccolta fondi e donazioni. Il denaro raccolto verrà destinato ad iniziative per promuovere i rischi legati al consumo di alcol, un tema sensibile soprattutto tra i giovani e i giovanissimi.

I dati raccolti dalla precedente iniziativa dimostrano che, come più volte affermato da studi specialistici, un mese senza alcol si traduce in un notevole vantaggio in termini economici e di salute. Tra gli effetti positivi dichiarati dai partecipanti: perdita di peso, migliore qualità del sonno, più energia, nessun postumo da sbornia e, non da ultimo, portafogli più pieno.

Vantaggi di non bere alcol

Bere alcolici è pericoloso per la nostra linea e per la salute. Come noto l'organo più danneggiato è il fegato, seguito da stomaco e intestino. L'accumulo nell'organismo, inoltre, compromette il sistema nervoso periferico, il cuore e il pancreas.

In Italia l'abuso di alcol rimane un serio problema. I dati raccolti dall’Osservatorio nazionale alcol dell’Istituto Superiore di Sanità tuttavia sono incoraggianti: sale il numero degli astemi e scende quello del consumo di alcolici, rispetto al biennio 2012-2013.

Perchè non approfittare anche noi dell'iniziativa inglese Dry January per riflettere sull'argomento e, se necessario, rivedere le nostre abitudini?

Tags: Alcol 
Condividi:

Iscriviti alla mailing list

* dato obbligatorio