Il contenuto del tuo carrello
Prodotto nel Carrello

Totale prodotti: 0 €

Sconti e promozioni potranno essere inseriti quando vai alla cassa

 
 
 
 

Ancora sui benefici del cioccolato


Pochi grammi ma salutari. Sono 6,7 i grammi di cioccolato al giorno che rappresentano la quantitá ideale per garantirci un effetto protettivo contro l’infiammazione e le malattie cardiovascolari che ne derivano.
A questo sono arrivati i ricercatori  dei Laboratori di Ricerca dell’Universitá Cattolica di Campobasso, in collaborazione con l’Istituto dei Tumori di Milano.
La scoperta, pubblicata sul  Journal of Nutrition,  viene da uno dei più grandi studi epidemiologici mai condotti in Europa, il progetto Moli-sani, che ha coinvolto finora oltre 20.000 abitanti del Molise.
Studiando i partecipanti allo studio, i ricercatori hanno puntato la loro attenzione sui complessi meccanismi dell’infiammazione.
E’ noto come uno stato infiammatorio cronico sia un fattore che può predisporre al rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare, dall’infarto cardiaco all’ictus cerebrale.
Il controllo dell’infiammazione attraverso uno dei suoi indicatori (la Proteina C reattiva individuabile con una semplice analisi del sangue) è stato oggetto di studio.
Infatti gli studiosi hanno messo a confronto i valori di questa proteina presenti nel sangue delle persone esaminate con le quantitá di cioccolato che queste mangiavano abitualmente.
Su circa 11.000 soggetti, ne sono stati identificati 4.849, tutti in buona salute e senza fattori di rischio (quindi con colesterolo, pressione arteriosa ed altri parametri normali).
Di questi, 1.317 non consumavano alcun tipo di cioccolato, mentre 824 ne consumavano regolarmente, ma solo quello fondente.
Si pensa che l’elevato contenuto in antiossidanti dei semi di cacao, in particolare flavonoidi e altri polifenoli, potesse avere un effetto positivo sullo stato infiammatorio. Ed il risultato è stato molto incoraggiante: le persone che mangiano abitualmente cioccolato fondente in quantitá moderata risultano avere nel sangue valori di proteina C reattiva significativamente più bassi.
In altri termini il loro stato infiammatorio viene significativamente ridotto.

 


Condividi:

Iscriviti alla mailing list

* dato obbligatorio