Radiofrequenza estetica: controindicazioni

Radiofrequenza e controindicazioniL'azione di riscaldamento, profonda e uniforme, provoca un immediato accorciamento delle fibre di collagene (circa 1/3 della loro lunghezza) e di elastina, stimolando nello stesso tempo i fibroblasti a sintetizzare nuovo collagene "giovane".
Per ottenere un effetto reale e visibile è necessario un calore sino a 59°/63°: una temperatura inferiore non provocherebbe lo stesso effetto.

Radiofrequenza e controindicazioniL’azione di riscaldamento, profonda e uniforme, provoca un immediato accorciamento delle fibre di collagene (circa 1/3 della loro lunghezza) e di elastina, stimolando nello stesso tempo i fibroblasti a sintetizzare nuovo collagene “giovane”.
Per ottenere un effetto reale e visibile è necessario un calore sino a 59°/63°: una temperatura inferiore non provocherebbe lo stesso effetto.

Per questo motivo, il dispositivo utilizzato per il trattamento emette una specifica radiofrequenza monopolare e contemporaneamente protegge la cute raffreddandola con un gas criogeno, un gas capace di raffreddare la pelle superficialmente, così da impedire che si danneggi, riducendo anche il fastidio legato alla temperatura alta.

Durante il trattamento con la  radio-frequenza si può avvertire una sensazione di calore profondo nella zona di trattamento, che sospendendo la terapia scompare. Solo in alcuni casi eccezionali possono notarsi dei rigonfiamenti della parte trattata che si manifestano con lievi eritemi che scompaiono nel giro di 2-3 ore successive la terapia.
Sarebbe opportuno non instaurare terapie in zone della cute affette da dermatiti o scottate dal sole, così da non creare ulteriore infiammazione in quanto la terapia va attuata solo su pelle integra.
Dopo il trattamento con radiofrequenza non è indicato esporsi a fonti solari (artificiali o naturali).
La radiofrequenza è controindicata per persone portatrici di pacemaker o di grosse protesi metalliche,  e in gravidanza.
Inoltre si consiglia di non utilizzare l’apparecchio senza prima aver consultato il medico qualora fossero presenti problemi di salute localizzati o generali. L’azione di riscaldamento, profonda e uniforme, provoca un immediato accorciamento delle fibre di collagene (circa 1/3 della loro lunghezza) e di elastina, stimolando nello stesso tempo i fibroblasti a sintetizzare nuovo collagene “giovane”.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817