Preparazione e allenamento alla stagione sciistica invernale

Sciare Ancora qualche mese e la stagione sciistica diventerà realtà.  Come pianificare quindi il nostro allenamento?
Siamo perfettamente in tempo per preparare il nostro fisico a sforzi che abitualmente non facciamo e eviteremo così dolori e il rischio di procurarci lesioni che potranno compromettere le nostre vacanze.

Sciare Ancora qualche mese e la stagione sciistica diventerà realtà.  Come pianificare quindi il nostro allenamento?
Siamo perfettamente in tempo per preparare il nostro fisico a sforzi che abitualmente non facciamo e eviteremo così dolori e il rischio di procurarci lesioni che potranno compromettere le nostre vacanze.

Gli sport invernali coinvolgono la quasi totalità dei nostri muscoli : braccia, gambe tronco e spalle vengono sollecitate continuamente.
Andare a sciare senza alcuna sorta di allenamento può essere fatale .
Stanchezza eccessiva e dolori alla schiena si possono evitare arrivando in pista preparati con una buona dose di presciistica nelle vostre gambe.
In più i pochi minuti al giorno di esercizio potranno ridurre sensibilmente il rischio di infortunio e migliorare sensibilmente la vostra sciata e, ovviamente, il divertimento su pista.

Allenamento

esercizi di riscaldamento Per tutti diventa opportuna una fase di riscaldamento muscolare : per una decina/quindicina di muniti è consigliabile effettuare una serie di esercizi che preparino il fisico ai successivi esercizi di potenziamento (corsa, salti alla fune, step o scalini di casa, cyclette ).
Fondamentale , in questa fase, è mantenere un’ intensità bassa .
In seguito possono bastare cinque minuti di movimenti rotatori delle varie parti del corpo: collo, spalle, polsi, bacino, anca, caviglie.
Per finire dedicare qualche minuto ad esercizi di stretching degli arti inferiori per prevenire infortuni e ripristinare l’elasticità muscolare stessa.

Per gli sciatori prossimo individuare due tipi di allenamento :

Per i principianti

wall squat Trovare una parete robusta. Appoggiare la schiena ben aderente alla parete e piegare le ginocchia a 90° fino a trovarsi in posizione seduta tipo squat in palestra (come se fossimo seduti su una sedia).
Mantenere la posizione per 15-30″ e ripetere per 3-4 volte l’esercizio.

Sempre sulla stessa parete poggiare le mani ed in posizione eretta con gambe distese , sollevarsi sulle punte dei piedi per 10-15 volte (ripetere 3-4 volte l’esercizio).

Scegliere un appoggio a circa 150 cm da terra dove appoggiarsi con le mani mantenendosi in posizione eretta .
Piegare un ginocchio in modo da appoggiare il piede corrispondente sull’altro ginocchio .
A questo punto saremo in piedi su una sola gamba e con l ‘altro piede sull’altro ginocchio . Dovremo effettuare 15 piegamenti su un ginocchio e poi 15 sull’altro mantenendo la schiena eretta (piegando solo il ginocchio) tenendosi attaccati con le mani all’appoggio scelto. Effettuare tre o quattro ripetizioni dell’esercizio.

Per i più esigenti

esercizi per i più esigenti Ai precedenti esercizi se ne posso aggiungere altri ad intensità maggiore : Inserire allenamenti (corsa, tapis roulant , cyclette .) con variazioni di ritmo al fine di migliorare anche l’efficienza del vostro apparato cardiocircolatorio:
potete alternare 3minuti di corsa veloce ad 1 minuto di corsa lenta ripetendo 4-8 volte .
Correre 3-6 volte i 200-400m in lieve progressione + 1 minuto di recupero camminando a seguito effettuare affondi frontali e laterali (10-15 ripetizioni per gamba per due/quattro volte).
Infine 10-15 ripetizioni di squat per tre/quattro volte.

Questi sono semplici esercizi che effettuati 2 o 3 volte alla settimana posso evitare fastidiose situazioni durante le Vostre vacanze.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817