Potenziamento cardiovascolare

Negli ultimi temi si parla tanto di cardiofitness... ma in realtà, concretamente in cosa consiste? Che benefici porta?
Il termine è ovviamente formato da un unione di due parole: cardio+fitness e sta a significare un insieme di esercizi che aiuta a migliorare il sistema più importante per la salute del nostro corpo, cioè il sistema cardiorespiratorio, formato da polmoni e cuore che rappresenta il vero motore del nostro corpo.

Negli ultimi temi si parla tanto di cardiofitness… ma in realtà, concretamente in cosa consiste? Che benefici porta?
Il termine è ovviamente formato da un unione di due parole: cardio+fitness e sta a significare un insieme di esercizi che aiuta a migliorare il sistema più importante per la salute del nostro corpo, cioè il sistema cardiorespiratorio, formato da polmoni e cuore che rappresenta il vero motore del nostro corpo.

Con il cardiofitness aumentiamo la resistenza, condizioniamo l’organismo per attività fisiche atletico-ricreative, riduciamo lo stress, preveniamo il rischio di malattie e ci prepariamo a una vita più sana (diminuiscono i rischi legati alle malattie cardiache, infarto, ipertensione ed ictus cerebrale) grazie ad un corpo non solo più gradevole, perché magro, ma più efficiente.

Gli esercizi che fanno parte del cardiofitness sono tutti esercizi che mirano a simulare un “movimento moderato”, come quello che si può fare tutti i giorni camminando, salendo le scale, andando in bicicletta.

L’utilizzo degli attrezzi non fa altro che replicare con buona approssimazione questi esercizi, ma con un maggior controllo dei parametri utili (frequenza cardiaca, tempo impiegato, calorie bruciate.).

Un allenamento cadriofitness deve avere una durata di 15-60 minuti e deve avvenire tra le 3-5 volte la settimana.

Quali sono, allora, gli attrezzi migliori per un buon allenamento cardio-fitness?

CARDIOFREQUENZIMETRI

Il cardiofrequenzimetro è uno strumento indispensabile per un buon allenamento cardio-fitness poichè misurando con buona precisione la nostra frequenza cardiaca, ci permette di effettuare degli allenamenti ottimali.

Durante un esercizio di fitness il proprio battito cardiaco deve rimnare in un range di lavoro ottimale determinato da un valore minimo e un valore massimo che si possono monitorare facilmente utilizzando un cardiofrequenzimetro.

Per calcolare la frequenza massima ( i cardiofrequenzimetri più avanzati la calcolano in automatico e sono assolutamente consigliabili ) si utilizza la formula:

FCmax = 220 – gli anni d’età
(es: se avete 18 anni la vostra FCmax = 220-18 = 202)

Se la nostra frequenza cardiaca non raggiunge il 60% della nostra frequenza massima (personale, visto che varia con l’età) lo sforzo che compiamo non è allenante.

Se supera il 60 ma non il 70% avrà un effetto soprattutto dimagrante (ma solo se si protrae oltre i 20 minuti!!!).

Se supera il 70 ma non l’80% avrà un effetto allenante soprattutto sul sistema cardiocircolatorio.

Se supera l’80%, e lo sforzo si protrae nel tempo, si incomincerà a produrre acido lattico. Questo è una sostanza che oltre certi livelli genera contratture muscolari, e quindi può porre fine all’allenamento. E questo può essere un bene, perchè se non ci fosse l’acido lattico a limitare la nostra esuberanza, il lavoro protratto ad una frequenza superiore all’80% del massimo potrebbe comportare un carico eccessivo per il cuore.

Con il cardiofrequenzimetro possiamo sapere se il nostro lavoro sta facendoci dimagrire, o se migliora le nostre condizioni cardiocircolatorie, o se allena le nostre capacità anaerobiche.

Sembra difficile, ma non lo è…. basta un pò di pratica e un buon cardiofrequenzimetro !

 
TAPIS ROULANT, ELLITTICHE, CICLOCAMERE

Come giò detto, i tapis-roulant, le ellittiche e le cyclette sono attrezzi sportivi che simulano movimenti naturali come correre, salire le scale, andare in bicicletta che “allenano” l’ apparato cardiovascolare.

La scelta di questi attrezzi non deve essere casuale e dipende soprattutto dalle condizioni di salute e di peso di chi si avvicina per la prima a questo tipo di atrrezzi sportivi.

Ad un soggetto obeso è consigliabile proporre all’inizio la cyclette ( meglio se un modello recumbent ) o al massimo una camminata blanda su un tapis-roulant.
Lo stesso esempio vale per l’anziano con problemi di equilibrio o artrosi.

Ad una persona con solo qualche chilo di troppo da smaltire o alla ragazza magrolina e debole che vuole tonificare glutei e gambe e gli arti superiori indicheremo l’ ellittica o il tapis roulant.

L’ allenamento con l’ ellittica è sicuramente il più faticoso di quelli proposti, ma anche il più completo e quello che permette di bruciare più calorie in minor tempo.
L’ ellittica è consigliabile, grazie al suo movimento dolce e armonioso, a tutti coloro che soffrono di problemi alla schiena o alle articolazioni. ( stessa cosa vale per la cyclette, mentre il tapis roulant può creare problemi alle articolazioni )

Certo, non va ssolutamente bene alle persone obese o in fotre sovrappeso che come abbiamo già detto è meglio che utilizzino cyclette e tapis-roulant in maniera moderata.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

fusilli ricotta e spinaci

Fusilli spinaci e ricotta

Fusilli spinaci e ricotta è una ricetta light, per un primo piatto semplice e facilmente adattabile alle diete ipocaloriche.

cosa bere d'estate

Estate che caldo! Cosa bere?

Cosa bere d'estate Uno degli errori più comuni che commettiamo in estate è quello di non bere a sufficienza. E il prezzo da pagare può essere salato.
Tutte le cellule sono costituite da acqua così come il sangue, la linfa, le secrezioni e le escrezioni.
Le entrate e le uscite di acqua devono andare in pareggio ogni giorno.

frutta e colori

L’estate e i colori della frutta: la tavolozza della salute

Da qualche anno si sta diffondendo una nuova disciplina che tende ad assegnare ai colori dei vegetali proprietà preventive e anche curative particolari. A cavallo fra scienza ufficiale e cromoterapia, in attesa che ulteriori sperimentazioni comprovino con maggior precisione la scientificità della teoria (che comunque è già sfruttata pubblicitariamente da alcuni produttori di succhi di frutta e di minestre pronte), cerchiamo di capire qualcosa di più.

albicocca

Arriva l’estate. Viva l’albicocca

AlbicoccheLatini la chiamavano “Prunus armeniaca“, convinti che la sua origine fosse in Armenia (arriva invece dalla Cina), ma a diffonderla e coltivarla in Europa furono gli Arabi, che la battezzarono Al-barquq, da cui albicocca. Un frutto gustoso e prezioso, non solo per l’alimentazione ma anche per la cosmesi, come vedremo in seguito. Cinque sono i modi in cui si può gustare l’albicocca: fresca, essiccata, candita, sciroppata, in confettura.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Responsabile del blog: Stefano Venuti, partita IVA: 02765120189

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817