Cavolo, che buono! Ricco di Vitamina C e proprietà antitumorali

Cavoli, cavoletti e affini sono ortaggi classici dei mesi invernali, molto presenti nella cucina regionale italiana e noti per le loro proprietà antitumorali e per le numerose virtù benefiche. I nostri consigli di cottura.

Cavoli, cavoletti e affini sono ortaggi classici dei mesi invernali, molto presenti nella cucina regionale italiana e noti per le loro proprietà protettive antitumorali e per le numerose virtù benefiche. Considerati poco appetitosi da alcuni, soprattutto a causa dell’odore sprigionato durante la cottura, il cavolo e i suoi parenti possono essere deliziosi e ricchi di virtù se cucinati nel modo giusto.

L’effetto benefico del cavolo e delle verdure classificate come crucifere (broccoli, cavolfiori, cavolini di Bruxelles e rape) è dato dalla presenza al loro interno di fibre e di varie sostanze antiossidanti e vitamine, tra cui carotenoidi, polifenoli e folati. Esse contengono composti chiamati isoticianati, che anno proprietà protettive anticancerogene, efficaci soprattutto contro i tumori dell’apparato digerente e del fegato.

Il cavolo è prezioso anche per altre proprietà benefiche, alleate della bellezza e della salute. Contiene infatti Vitamina C (che combatte i radicali liberi e influisce sulla produzione di collagene), potassio, ferro e calcio, fondamentali per contrastare anemie e osteoporosi. Al suo interno si trova la luteina, un pigmento della retina molto importante per la salute dell’occhio.

Cavolo proprietà antitumorali

I composti antitumorali presenti nel cavolo sono molto “sensibili” alla cottura e rischiano di perdere efficacia se non sono trattati nel modo corretto. Gli isoticianati si “attivano” mediante una reazione di idrolisi: per questo motivo si consiglia ci cuocere il cavolo (o di centrifugarlo) prima di consumarlo. Per garantire la maggiore quantità possibile di molecole antitumorali, l’ideale sarebbe evitare le lunghe cotture e stufare rapidamente gli ortaggi, cuocerli al vapore o saltarli in padella. 

Al momento di cucinare le verdure crucifere, è bene ricordare che grassi e sale vanificano l’effetto benefico degli isoticianati. Da evitare, quindi, le preparazioni troppo caloriche e l’eccesso di sale, che oltretutto sono tra le prime cause di tumori e di malattie metaboliche. Il consumo di cavoli da solo non è sufficiente a garantire l’efficacia antitumorale: deve essere un tassello di uno stile di vita sano, caratterizzato d aun’alimentazione bilanciata.

Vsb:t

Share:

Altri Articoli

Il porro, versatile ortaggio autunnale

 il porroIl porro è una pianta di antichissima origine, la Francia ne è oggi la miglior produttrice. Appartenente alla stessa famiglia della cipolla, le liliacee, concentra la sua parte edibile nella parte bianca del fusto. Indicato nei casi di stitichezza, obesità, anemia e artrite. Utile nella regolazione del colesterolo.

Zucca: una regina dell’autunno

ZuccaA Cristoforo Colombo dobbiamo la scoperta non solo degli arcinoti patata e pomodoro, ma anche dell’umile e utilissima zucca, coltivata in Messico e in tutta l’area dell’America centrale fin dal 6.000 a.C.; appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee (insieme a cetrioli, cocomeri, meloni e zucchine) e ha un numero pressoché infinito di varietà, al punto che la classificazione completa è praticamente impossibile; ma tutte le Cucurbitacee, dal punto di vista nutrizionale, sono caratterizzate dal fatto di possedere una grandissima percentuale di acqua, mediamente del 95%.

Le Castagne, frutti d’autunno

Castgna E’ il più noto dei frutti amidacei o farinosi. E’ frutto del castagno , albero della famiglia delle Fagacee, specie Castanea sativa che vive nell’Europa mediterranea. Ne esistono numerose qualità di cui la più nota è il marrone , di dimensioni più grandi e qualità più pregiata. I marroni possono raggiungere anche 50 grammi e sono a forma di cuore, a base triangolare, scorza brunorossiccia, polpa dolce e carnosa.

Nella dieta d’estate la preziosa anguria

Estate: Anguria nella dieta L’anguria, conosciuta anche come cocomero o dialettalmente cocomera, è scientificamente il frutto di una pianta della famiglia delle cucurbitacee originaria delle regioni tropicali dell’Africa, precisamente del deserto del Kalahari (lì si dice che venne scoperta dall’esploratore sir David Livingstone). Il frutto, dalla caratteristica polpa rossa (qualche specie però è gialla) punteggiata di piccoli semi neri (o bianchi o gialli) assolutamente commestibili, ha un elevatissimo contenuto d’acqua e di zuccheri semplici, vitamina A e vitamina C.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti se non vuoi perderti i prossimi articoli e le prossime offerte!

aDieta.it © 2018-2019 Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali.

Vendita online a cura di: Garam s.r.l. Via Serviliano Lattuada, 16 – 20135 Milano – Tel. 02 56568491 – Part. IVA 09995210961 – REA MI-2126817