Il contenuto del tuo carrello
Prodotto nel Carrello

Totale prodotti: 0 €

Sconti e promozioni potranno essere inseriti quando vai alla cassa

 
 
 
 

La dieta per la fertilità

La dieta della fertilitàUn’alimentazione sana ed equilibrata è alla base di una vita felice e in buona salute.
Nessun alimento da solo riesce a fornirci le sostanze di cui abbiamo bisogno e non si tratta solo di proteine, vitamine, sali minerali ma altre sostanze: gli antiossidanti e gli enzimi come la bromelina contenuta nell’ananas.


Sono queste sostanze minori che rivestono un ruolo sempre più importante nella prevenzione di molte malattie.

Anche la coppia che cerca di avere un bambino deve fare attenzione all’alimentazione, in particolar modo a quelle sostanze di cui si parlava prima.
Infatti svariati alimenti contengono principi attivi che possono essere somministrati nella cosiddetta infertilità idiopatica (della quale, cioè, non conosciamo le cause): vitamine B6 e B12, vitamina C, Acido folico, Vitamina E, Vitamina D, Selenio, bromelina ed altri enzimi che vedremo.
Solitamente anche il peso influisce sulla possibilità di restare incinta; è necessario che la donna sia normopeso, poichè gli eccessi in difetto o in eccesso possono influire non solo sull’ovulazione ma anche sulla gestazione in quanto associate a patologie come la gestosi e il diabete gestazionale. Il problema del peso non riguarda solo le donne, infatti l’obesità maschile si associa ad un aumento di estrogeni che a sua volta determina una minore produzione di spermatozoi e una riduzione della loro mobilità.

Vale la pena di citare a questo punto, il più grande studio condotto sulle donne: quello pubblicato dall’ Harward School of Public Health di Cambridge, che ha coinvolto 17.500 donne in cerca di un figlio.
I risultati dello studio hanno evidenziato che nelle donne che hanno un’ alimentazione sana e variata, c’è una riduzione del 66% di infertilità ovulatoria e del 27% di infertilità dovuta ad altre cause.

Gli alimenti che favoriscono la fertilità

Quali sono gli alimenti che favoriscono la fertilità? Vediamoli insieme.

  1. Pesce, ricco di omega 3 e zinco, aiuta il buon funzionamento dell’apparato riproduttivo e contribuisce allo sviluppo del sistema nervoso del feto.
  2. Zinco, si trova nel pesce, nei frutti di mare, nelle uova, nel latte e nella carne. E’ contenuto nello sperma ed è essenziale nella produzione degli spermatozoi, contribuisce alla qualità degli ovociti.
     
  3. Olio extravergine, ricco di vitamina E, utile al corretto equilibrio ormonale. E’ anche un potentissimo antiossidante che rallenta i processi di invecchiamento e aiuta a migliorare il numero degli spermatozoi.
     
  4. Pasta, riso e pane integrale, alfine di evitare un innalzamento rapido della glicemia e dell’insulina che può turbare l’equilibrio della riproduzione.

      Kj Kcal Carboidrati Proteine Lipidi
    frumento 1419 339 71% 14% 2%
    mais 1528 365 74% 9% 5%
    riso 1515 362 76% 8% 3%
    sorgo 1419 339 75% 11% 3%
    miglio 1582 378 73% 11% 4%
    orzo 1482 354 73% 12% 2%
    segale 1402 335 70% 15% 3%
    avena 1628 389 66% 17% 7%
    quinoa 1566 374 69% 13% 6%
    amaranto 1566 374 66% 14% 7%


  5. Quinoa. Il quinoa (Chenopodium quinoa) è normalmente classificato, dal punto di vista alimentare e nutrizionale, insieme ai cereali. Più correttamente, almeno dal punto di vista botanico, si tratta di uno pseudo-cereale in quanto non appartiene alla famiglia delle Graminacee: il quinoa appartiene alla famiglia delle Chenopodiacee. Il quinoa è un alimento piuttosto versatile. Oltre a essere consumato così come è (previa cottura), o come ingrediente delle zuppe, può essere utilizzato dall’industria per la preparazione di paste, cereali da prima colazione, vari alimenti preconfezionati e persino desserts. La farina di quinoa, miscelata a farina di frumento o di mais, può essere impiegata nella preparazione di pani e biscotti. E’ ricco di tutti gli aminoacidi amici della fertilità, compresa la lisina che presente in quantità molto minore nel granturco, nel riso e nel frumento
     
  6. La dieta della fertilitàAumentare il consumo di frutta e verdura, ricche di vitamine, enzimi, minerali e antiossidanti, che proteggono le membrane cellulari:
    • Aglio contiene zolfo capace di prevenire le infezioni alle ovaie che possono causare problemi di fertilità, contiene inoltre selenio che incrementa il numero di spermatozoi e ne aumenta la motilità.
       
    • Asparagi, contengono betacarotene, iodio, potassio, zinco, sostanze fondamentali nella dieta della fertilità.
       
    • Frutti rossi, contengono vitamina C in grandi quantità. Questa vitamina è un ottimo tonico per la vitalità degli spermatozoi, oltre ad essere un antiossidante che protegge le cellule dai danni cellulari.
       
    • Cavolfiore, come tutte le brassicacee è ricco di vitamine che proteggono gli ovuli e gli spermatozoi come l’acido folico, la vitamina B6, la vitamina C. Sono inoltre ricchi di boro che è in grado di alzare i livelli di estradiolo (ormone che fornisce un indice di funzionalita' ovarica e dell'asse ipotalamo-ipofisi-gonadi).
       
    • Mandorle, contengono la vitamina E potente antiossidante e l’arginina che aumenta il numero e la motilità degli spermatozoi.
       
    • Ananas, contiene bromelina un enzima che facilita la digestione. La presenza di “facilitatori” della digestione consente di risparmiare energia nella digestione ed evita un superlavoro al pancreas e alle ghiandole endocrine collegate, come surrenali, ovaie e testicoli.
       


  7. Abolire gli alcolici, infatti l’assunzione di alcolici abbassa il numero di spermatozoi e la loro motilità. Inoltre l’alcol blocca l’assorbimento dello zinco che abbiamo visto essere una sostanza fondamentale per la produzione dello sperma. Sono numerosi gli studi che dimostrano che l’assunzione di alcolici può bloccare l’ovulazione.
     
  8. Limitare il consumo di caffè, dosi eccessive di caffè ritardano il concepimento.

    Contenuto di caffeina in alcuni alimenti
    Alimento Contenuto in caffeina
    Caffè 1 tazzina 85 mg
    Thè 1 tazza 50 mg
    Cioccolata 1 tazza 5 mg + 250 mg di teobromina
    Bevanda a base di cola (ml. 330) 50 mg

     
  9. Non fumare. Chi fuma solitamente presenta un alto livello di cadmio nell’organismo, si tratta di un metallo che ostacola l’assunzione dello zinco. Nelle forti fumatrici è presente una incidenza di sterilità abbastanza elevata.
     
  10. Svolgere attività fisica. Per questo scopo vi consigliamo di visitare il nostro shop.
AVVERTENZA: Questo sito ha carattere di divulgazione culturale e informativa, necessariamente generale. Le informazioni contenute, pur basate sugli studi scientifici citati, non sostituiscono il consulto personalizzato del professionista pratico, dietologo o medico. Il lettore non è autorizzato a considerare gli articoli qui contenuti come consulti medici, né a prenderli a pretesto per curarsi da sé.
Condividi:

Iscriviti alla mailing list

* dato obbligatorio